Colao visita Thales Alenia Space a Roma e 'saluta' nuovo Cosmo SkyMed
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
08
Lun, Ago

Colao visita Thales Alenia Space a Roma e 'saluta' nuovo Cosmo SkyMed

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale con delega alle politiche spaziali e aerospaziali, Vittorio Colao, si è recato in visita oggi presso lo stabilimento di Thales Alenia Spac a Roma dove, al Centro Integrazioni satelliti, ha potuto 'salutare' il secondo satellite Cosmo-SkyMed di Seconda Generazione

prima dell’invio alla base di lancio di Space X, a Cape Canaveral, da dove verrà lanciato per raggiungere in orbita il primo satellite della nuova generazione lanciato a dicembre 2019. Alla visita di Colao alla joint venture tra Thales (67%) e Leonardo (33%) hanno partecipato l'amministratore delegato di Leonardo, Alessandro Profumo, e il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Giorgio Saccocci. Ad accompagnare Colao nella sua visita sono stati anche il Coordinatore delle attività spaziali di Leonardo e ad di Telespazio, Luigi Pasquali, e l'ad di Thales Alenia Space Italia, Massimo Claudio Comparini.  

La costellazione italiana Cosmo-SkyMed di Seconda Generazione, così come la prima, rappresenta il fiore all’occhiello mondiale della tecnologia radar per l’Osservazione della Terra e per Thales Alenia Space. Questo Programma, in particolare, rappresenta un riferimento storico in termini di satelliti basati su tecnologia radar e ha spianato la strada alla nuova offerta di satelliti radar all'avanguardia. In questo programma l'industria italiana gioca un ruolo di primo piano, con Leonardo e le joint venture Thales Alenia Space e Telespazio, coinvolgendo anche un numero significativo di piccole e medie imprese. Thales Alenia Space è capocommessa dell'intero sistema, mentre Telespazio (Leonardo 67%, Thales 33%) ha realizzato il segmento di Terra e ospita nel Centro spaziale del Fucino il centro di comando e controllo della costellazione. I dati generati dai satelliti Cosmo-SkyMed sono commercializzati in tutto il mondo dalla Società e-Geos (Telespazio 80%, Asi 20%). 

Thales Alenia Space sottolinea che nel Centro Integrazioni satelliti le principali linee di produzione riguardano il telerilevamento, le telecomunicazioni e la navigazione satellitare. Nelle camere pulite e nei laboratori tecnologici d’eccellenza dell’azienda, ad atmosfera controllata (pressione atmosferica, umidità ed inquinamento particellare), si integrano le diverse componenti necessarie per la realizzazione di satelliti di piccole e medie dimensioni per programmi che pongono Thales Alenia Space con un ruolo in primo piano a livello europeo. Attualmente nel Centro sono in fase avanzata di integrazione i satelliti Sentinel 1C e 1D del programma Copernicus dell’Agenzia Spaziale Europea per il monitoraggio ambientale. Thales Alenia Space è anche protagonista di Copernicus Expansion, essendo coinvolta in 5 delle 6 nuove missioni di ampliamento del programma Copernicus. L'azienda, infatti, condurrà 3 missioni come prime contractor Cimr, Rose-L, Chime e fornirà i carichi utili per altre 2 missioni Co2M e Cristal.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.