Milei vince le elezioni in Argentina, il presidente 'supereroe' con la motosega
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
05
Mar, Dic

Milei vince le elezioni in Argentina, il presidente 'supereroe' con la motosega

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - La motosega ai comizi, le performance canore travestito da supereroe, lo show sul palco come una rockstar dopo la vittoria nelle elezioni. Javier Milei, nuovo presidente dell'Argentina, si presenta con un curriculum 'speciale' alla

Casa Rosada. 

Noto come El Peluca (il Parrucca) per la sua folta chioma, ha brandito la sega elettrica ai comizi per far vedere come intende sfoltire il bilancio dello stato. 

 

Nato a Buenos Aires da una famiglia modesta discendente da italiani, Milei è stato a lungo un docente universitario di macroeconomia. Nel 2014 ha cominciato ad apparire regolarmente in programmi televisivi e radiofonici. Prima attaccava il presidente conservatore Mauricio Macrì, poi ha preso di mira il successore peronista Alberto Fernandez. E nel 2021 è stato eletto deputato. Affine a Trump e all'ex presidente brasiliano Jair Bolsonaro, ha partecipato ad eventi del partito di ultradestra Vox in Spagna. 

 

 

 

 

 

 

 

Candidato per il partito La Libertà Avanza, Milei si è dichiarato nemico giurato della 'casta politica', propone l'abolizione della Banca centrale e la dollarizzazione dell'economia. Nega il cambiamento climatico, considera l'educazione sessuale un complotto contro la famiglia, vuole vietare l'aborto e liberalizzare il possesso di armi. E ha fatto correre un brivido lungo la schiena di molti contestando la cifra ufficiale dei 30mila desaparecidos durante la dittatura Argentina.  

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.