Covid e viaggi all'estero, le regole per gli italiani - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Lun, Set

Covid e viaggi all'estero, le regole per gli italiani

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Consultare la 'scheda' per il singolo Paese verso cui si desidera viaggiare e prendere contatto anche con l’ambasciata o il consolato del Paese di interesse in Italia. È questa la prima raccomandazione del ministero degli Esteri, evidenziata in tutte le sezioni rilevanti del proprio sito e del portale ViaggiareSicuri, per tutti gli italiani che hanno in programma di viaggiare all’estero entro il prossimo 30 luglio, ovvero fino a quando sarà in vigore “la disciplina generale per gli spostamenti da/per l’estero contenuta nel Dpcm 2 marzo 2021 e nell’Ordinanza 14 maggio 2021 del Ministro della Salute”. 

alternate text

 

La Farnesina ricorda inoltre che “il Dpcm continua a basarsi su cinque elenchi di Paesi per i quali sono previste differenti misure”. Rimanda quindi ad un questionario attraverso il quale fornisce all’utente, tramite una serie di domande, tutte le informazioni necessarie e l’iter da seguire per effettuare lo spostamento, ove consentito. Di seguito, le disposizioni vigenti in Italia e le misure previste per l’accesso ad alcune delle più importanti mete turistiche, europee e non. 

Tra i Paesi verso cui sono consentiti gli spostamenti senza necessità di motivazione: 

-Austria. A seguito dell’ingresso è necessario sottoporsi ad auto-isolamento fiduciario di dieci giorni. E’ obbligatorio anche esibire un test Covid con esito negativo al momento dell’ingresso in Austria (o comunque non oltre le 24 ore successive all’ingresso). Se già in possesso di test al momento dell’ingresso, esso deve essere stato effettuato non prima delle 72 ore se si tratta di un test molecolare, non prima delle 48 ore se si tratta di un test antigenico. Prima dell’ingresso nel Paese, è necessario effettuare anche una registrazione on-line, attraverso la quale vengono comunicati i propri dati personali e le informazioni sul viaggio e sulla quarantena. 

-Francia. Obbligo di esibizione di un test molecolare di tipo Pcr real-time (PCR-RT) da effettuare nelle 72 ore precedenti la partenza. Il test antigenico non è accettato, né è accettato test PCR differente da PCR-RT. L'obbligo riguarda i viaggiatori, maggiori di 11 anni. Tutti coloro che entrano in Francia con qualsiasi mezzo devono compilare un’autocertificazione. 

-Germania. Chiunque entri in Germania in aereo, indipendentemente dal Paese di provenienza, deve disporre, prima dell'imbarco, di una documentazione che dimostri di essere vaccinato, guarito o di esser risultato negativo ad un tampone. Tale obbligo non vale per i bambini sotto i 6 anni. Per la normativa tedesca, si considerano "vaccinate" le persone che hanno completato il ciclo vaccinale da almeno 14 giorni (se hanno già contratto il Covid, basta la prima dose) e "guarite" quelle risultate positive ad un tampone non meno di 28 giorni e non più di 6 mesi prima. Per le persone non vaccinate e non guarite, il tampone può essere antigenico (rapido) o molecolare e deve essere effettuato nelle 48 ore precedenti l'ingresso in Germania (nel caso dell'antigenico; nelle 72 ore precedenti, nel caso del molecolare PCR). La documentazione sulla vaccinazione, la guarigione o l'esito del tampone può essere scritta in italiano (oltre che in tedesco, inglese, francese e spagnolo). 

-Grecia. Rimosso l’obbligo di isolamento fiduciario di sette giorni, precedentemente in vigore, per i passeggeri che risiedono nei Paesi Ue, purché, al momento dell’ingresso, siano in possesso di un test molecolare negativo (in inglese), effettuato nelle 72 ore precedenti all’arrivo, o - in alternativa - di un certificato di vaccinazione (purché siano decorsi almeno 14 giorni dal completamento della vaccinazione). Per gli altri passeggeri continua a essere previsto, fino a data da destinarsi, l’obbligo di rispettare un periodo di auto-isolamento fiduciario di sette giorni (o, in caso di permanenza per periodi inferiori, per tutto il periodo di permanenza). Rimane invece in vigore per tutti i passeggeri in arrivo la possibilità di essere sottoposti, a campione, a un test rapido effettuato all'arrivo in Grecia. Il test a campione, qualora si venga selezionati, è obbligatorio. In caso di positività al test rapido è previsto un periodo di isolamento obbligatorio di 14 giorni per i viaggiatori risultati positivi e per i loro contatti prossimi in appositi “hotel quarantena” (le spese di alloggio sono coperte dallo Stato greco), dove verranno effettuati nuovi test per verificare la diagnosi iniziale. Per poter accedere nel Paese rimane inoltre condizione indispensabile, indipendentemente dalla nazionalità e dal metodo di ingresso nel paese, la compilazione - al più tardi il giorno prima dell’arrivo in Grecia - di un modulo online, il Passenger Locator Form (PLF), con il quale i viaggiatori devono fornire informazioni sul luogo di provenienza, sulla durata dei soggiorni precedenti in altri paesi e sull'indirizzo del proprio soggiorno in Grecia. 

-Spagna. È consentito l’ingresso da tutti i Paesi europei ed appartenenti allo spazio Schengen, senza obbligo di quarantena. Vige l’obbligo di presentare un test molecolare PCR negativo effettuato nelle 72 ore antecedenti l’ingresso - per via aerea o marittima - nel Paese. Per l’Italia, l’obbligo riguarda i passeggeri provenienti da qualunque Regione. Non sono ammessi i test rapidi, nemmeno per le Canarie. 

-Regno Unito. Ai viaggiatori in ingresso nel Regno Unito vengono richiesti i quattro seguenti adempimenti: 1) presentare il risultato negativo di un test Covid-19 effettuato nei tre giorni precedenti il giorno della partenza e che soddisfi i parametri indicati dal Governo britannico. L’obbligo di mostrare un test con risultato negativo si applica agli arrivi da tutto il mondo e include anche i viaggiatori in transito e quanti si rechino dal Regno Unito all’estero per viaggi di durata inferiore a 3 giorni; 2) compilare un formulario online (“travel locator form”) nei due giorni precedenti la partenza; 3) osservare un isolamento cautelare di 10 giorni; 4) effettuare due test Covid-19 in occasione del secondo e dell’ottavo giorno di auto-isolamento nel Paese. 

-Stati Uniti. Tuttora sospesa la possibilità di ingresso negli Usa per i viaggiatori che, nei 14 giorni precedenti, siano stati in un Paese dell’Area Schengen (inclusa l’Italia), in Regno Unito, in Irlanda, in Brasile, in Sud Africa Cina o Iran. 

-Australia. Fino al 17 giugno 2021, chiusi i confini internazionali sia in ingresso che in uscita, non solo per i viaggiatori e gli stranieri residenti permanenti ma anche per i cittadini australiani. Vige l’obbligo rigorosissimo di quarantena di 14 giorni in strutture designate dalle Autorità locali (in genere hotel) per il limitato numero di persone a cui viene concessa l'esenzione, autorizzate caso per caso. 

-Giappone. Le persone provenienti dall’Italia dovranno essere posti in isolamento per i primi tre giorni dal loro arrivo in una struttura indicata dalle autorità di quarantena giapponesi. Le regole prevedono che si resti confinati in una stanza di hotel di dimensioni ridotte, con i pasti forniti dalle autorità di quarantena, senza alcun contatto diretto con l’esterno. Al terzo giorno verrà condotto un ulteriore test, a cura delle Autorità giapponesi, e in caso di risultato negativo le persone potranno raggiungere, senza utilizzo di mezzi pubblici, il luogo da loro prescelto per terminare il periodo di auto-isolamento fiduciario di 14 giorni. Quanti risulteranno positivi dovranno osservare i protocolli sanitari che verranno indicati dalle competenti Autorità giapponesi. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002