Covid India, scandalo tamponi: oltre 100mila falsi per partecipare a un festival - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Sab, Lug

Covid India, scandalo tamponi: oltre 100mila falsi per partecipare a un festival

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sarebbero più di 100mila i tamponi falsi per il Covid effettuati ad altrettanti partecipanti al festival indù di Kumbh Mela, che si è tenuto ad aprile nello stato dell'Uttarakhand nel nord dell'India. Su questo sta indagando la polizia indiana, che mette sotto accusa i laboratori privati che avrebbero fornito identità fasulle, numeri di cellulari e indirizzi inesistenti.

Milioni le persone che hanno preso parte al più grande festival indù nel bel mezzo della seconda ondata della pandemia mentre molti ospedali indiani facevano i conti con carenza di ossigeno e di posti letto, il che ha attirato molte critiche nei confronti delle autorità dell'Uttarakhand. Anche perché molte delle persone tornate dall'evento sono state poi responsabili della diffusione del contagio in altre comunità. 

I funzionari dello stato settentrionale indiano all'epoca si difesero affermando che ogni visitatore veniva sottoposto al tampone per Covid da parte di laboratori privati. Che però è emerso che falsificavano i test. "Verrà fatta causa aii laboratori di Nuova Delhi e Haryana, che hanno condotto test in cinque luoghi di Haridwar durante il Kumbh Mela", ha detto all'agenzia di stampa Ani Subodh Uniyal, portavoce del governo dell'Uttarakhand. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002