Haiti, Usa inviano agenti Fbi per indagare su omicidio Moise - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
31
Sab, Lug

Haiti, Usa inviano agenti Fbi per indagare su omicidio Moise

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Washington invia a Haiti agenti del Fbi e del Dipartimento per la sicurezza nazionale (Dhs) per contribuire alle indagini sull’assassinio del presidente Jovenel Moise. A renderlo noto, dopo l’annuncio del coinvolgimento di due cittadini americani accusati di aver fatto parte del commando di killer, è stata la Casa Bianca.

Non sono stati forniti dettagli sul numero di agenti coinvolti nella missione, organizzata su richiesta della polizia nazionale haitiana, che guida le indagini.  

"In risposta alla richiesta avanzata dal governo di Haiti di assistenza sul piano della sicurezza e delle indagini, invieremo alti funzionari Fbi e Dhs a Port-au-Prince non appena possibile per valutare la situazione e stabilire il modo in cui potremo fornire aiuto”, ha spiegato la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki. “Assicurandoci di fornire risorse, umane ma anche finanziarie, cosa che rientra nel nostro obiettivo”, ha aggiunto. Questa missione, ha poi tenuto a chiarire la portavoce, non interferirà con l’assistenza che Washington garantisce al popolo di Haiti. “Si tratta della risposta ad una richiesta specifica”. 

I due americani coinvolti nell’agguato al presidente Moise sono James Solages, di 35 anni, e Joseph Vincent, di 55 anni, entrambi di origine haitiana. I due hanno sostenuto durante l’interrogatorio del magistrato di aver svolto un lavoro da interpreti all’interno del commando e che la missione era arrestare il presidente nell'ambito di un mandato giudiziario, non ucciderlo. 

Le autorità di Port-au-Prince hanno intanto chiesto al presidente americano Joe Biden l’invio di truppe nel paese per contribuire alla sua stabilizzazione e ad assicurare il controllo sulle infrastrutture statali, dai porti agli aeroporti, dopo l’assassinio del presidente. A riferirlo a AbcNews è stato il ministro haitiano Mathias Pierre. La richiesta è stata avanzata nel Corso di un colloquio tra il premier ad interim Claude Joseph e il segretario di stato americano Antony Blinken mercoledì. Biden tuttavia non sarebbe favorevole a una tale ipotesi. Port-au-Prince ha anche chiesto l’invio di forze al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. 

Joseph Lambert, leader del Senato di Haiti, è stato intanto scelto come presidente ad interim del paese dai suoi colleghi della Camera alta del parlamento di Port-au-Prince. Ad annunciarlo al Miami Herald è stato lo stesso Lambert, spiegando che dei dieci senatori che ancora siedono nella Camera composta da trenta seggi, 8 hanno votato per lui, due si sono astenuti "solo perché non si trovano nel paese".  

I mandati della maggior parte dei legislatori haitiani scadevano nel gennaio 2020 e i loro seggi sono rimasti vacanti a causa della cancellazione delle elezioni generali del mese di ottobre 2019. Nessun deputato ancora in carica siede alla Camera bassa del parlamento. Sulle reti sociali Lambert ha espresso la sua "umile gratitudine" alle istituzioni politiche che hanno espresso il loro appoggio nei suoi confronti, ed ha manifestato l'intenzione di favorire una transizione democratica del potere nel paese.  

Resta anche confusa la situazione del premier ad interim: il neurochirurgo Ariel Henry, nominato all'incarico da Moise, avrebbe dovuto prestare giuramento mercoledì ma non lo ha fatto a causa dell'agguato teso al presidente. Intanto Claude Joseph, ministro degli Esteri ed ex premier ad interim cui doveva succedere Henry, si è di fatto attribuito l'incarico di capo del governo ad interim facente funzioni e nei giorni scorsi ha pron unciato interventi, tenuto contatti con altri paesi, nonché firmato decreti. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002