Variante delta Inghilterra, contagi in calo: le ipotesi - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mar, Set

Variante delta Inghilterra, contagi in calo: le ipotesi

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Come sappiamo le ondate estive di Sars-CoV-2 nel Regno Unito e in Olanda sono in fase di netto declino da circa 10 giorni, nonostante l'assenza totale di 'chiusure' e il fatto che la variante Delta sia non solo molto infettiva, ma riesca anche a bucare i vaccini (che invece proteggono al 95% da malattia severa e morte)". Per spiegare "questo

'mistero epidemiologico'" il virologo Guido Silvestri, docente negli Usa alla Emory University di Atlanta e fondatore della pagina social 'Pillole di ottimismo', avanza 5 ipotesi.  

Ecco le possibilità suggerite dall'esperto: "1) Effetto stagione estiva; 2) Le persone diventano più prudenti quando leggono che c'è un ondata in corso, anche senza restrizioni; 3) La Delta è 'controllata' da qualche fattore genetico e/o immunologico che limita la disponibilità di soggetti suscettibili; 4) Un virus molto trasmissibile brucia rapidamente i suscettibili (e ne rimane a corto) in un dato 'habitat' epidemiologico; 5) La protezione dei vaccini verso l'infezione con Delta è stata sottostimata per una sorta di bias temporale nell'analisi". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002