Covid Usa, "con vaccino da giugno si sarebbero evitati 90mila morti": lo studio - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Dom, Ott

Covid Usa, "con vaccino da giugno si sarebbero evitati 90mila morti": lo studio

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sono 90mila i decessi per Covid registrati negli Stati Uniti tra giugno e settembre che si sarebbero potuti evitati se i pazienti si fossero vaccinati. E' quanto riporta l'analisi pubblicata dalla Kaiser Family Foundation secondo la quale il Covid è stata la seconda principale causa di morte nel Paese il mese scorso, dopo i problemi

cardiaci. 

Nel rapporto si registra che a settembre infatti sono stati 49mila i decessi per Covid,.Ed è la causa principale di morte nel gruppo di età tra i 35-54 anni, in cui si registrano livelli di vaccinazione più bassi che tra gli anziani. "Il Covid è stata la causa di morte per le persone di questo gruppo di età in agosto e settembre più di quanto lo sia stata nei mesi precedenti, nonostante siano disponibili i vaccini", si legge nello studio che conclude che la "stragrande maggioranza dei ricoveri e decessi per Covid continuano ad essere prevenibili". 

Il Covid è stato la principale causa di morte negli Usa all'inizio del 2021 durante l'ondata invernale, ma poi, con i vaccini, era sceso al numero sette a luglio. Con il diffondersi della variante delta - e con 60-70 milioni di americani ancora non vaccinati - i numeri di contagi e decessi sono tornati a salire alla fine dell'estete. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002