Russia, "centinaia di soldati rifiutano di combattere"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Dom, Mag

Russia, "centinaia di soldati rifiutano di combattere"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - "Centinaia e centinaia" di soldati russi si rifiutano di combattere in Ucraina. A raccontarlo al Guardian è Mikhail Benyash, l'avvocato che sostiene i renitenti. Dato che ufficialmente quella in Ucraina è solo "un'operazione speciale", chi si rifiuta di combattere rischia al massimo il licenziamento, spiega

l'avvocato, sottolineando che nessuno è stato arrestato. Ma intanto la scarsità di soldati di fanteria sta emergendo come uno dei problemi più importanti da affrontare per il Cremlino.  

"I comandanti minacciano di mandare in carcere i soldati, ma noi spieghiamo loro che possono dire di no", racconta Benyash, il cui studio legale è stato contattato da "centinaia e centinaia di soldati". "Non vi sono basi legali per avviare una causa penale se un soldato rifiuta di combattere fuori dal territorio russo" visto che non è stata dichiarata una guerra, spiega.  

Fra chi si è rifiutato c'è Dmitri, il nome è di fantasia, soldato in un reparto basato nell'estremo oriente russo. A febbraio è stato mandato a combattere in Ucraina, partendo dalla Bielorussia. L'unità si è poi ritirata, ma in aprile è stato deciso il ritorno al fronte. "E' subito diventato chiaro che non tutti erano d'accordo. Molti di noi semplicemente non ci volevano tornare. Io voglio tornare a casa. Non in una bara", ha detto Dmitri, che si è rifiutato di tornare a combattere assieme ad altri otto compagni. I superiori "erano furiosi, ma si sono dovuti calmare perché non c'era molto che potessero fare", ha detto al Guardian. Dmitri è stato ora trasferito a Belgorod, in territorio russo, e lì intende rimanere fino a giugno, quando scadrà il suo contratto di cinque anni con l'esercito. 

La sua storia, scrive il quotidiano britannico, sottolinea quello che secondo molti esperti è fra i principali problemi della Russia in Ucraina, la carenza di soldati di fanteria. Al momento dell'invasione sono stati schierati 150mila uomini, l'80% delle truppe di terra, ma da allora l'esercito deve confrontarsi con un alto numero di perdite e il morale basso delle truppe.  

Il presidente russo Vladimir Putin "deve prendere una decisione sulla mobilitazione nelle prossime settimane - dice l'analista militare Rob Lee - La Russia non ha sufficienti unità di terra con soldati a contratto per una rotazione sostenibile. Le truppe stanno diventando esauste". I mercenari non bastano, mentre una mobilitazione generale o un ricorso ai soldati di leva manderebbero al fronte militari poco addestrati e potrebbero creare scontento nell'opinione pubblica interna.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002