Il piano dell'Unione Europea per la lotta al cancro - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Dom, Set

Il piano dell'Unione Europea per la lotta al cancro

Immediapress
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Rubrica Speakers’ Corner  

Venerdì 2 luglio, ore 17.00  

Milano, 30 giugno 2021 - Torna la Rubrica Speakers’ Corner del Centro Studi Borgogna – venerdì 2 luglio, in diretta web alle ore 17.00- con un appuntamento dedicato a “Il Piano dell’Unione Europea per la lotta al

cancro”. 

L’incontro sarà moderato da Fabrizio Ventimiglia, Avvocato Penalista e Presidente del CSB. Ospiti, in qualità di Relatori: l’On. Patrizia Toia (Eurodeputata, Vice Presidente Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia, Membro commissione speciale Cancro “BECA”); Giovanni Apolone (Direttore Scientifico - Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano); Luigi Cajazzo (Coordinatore Tavolo Sanità del CSB).  

Ad inizio febbraio la Commissione UE ha presentato il Piano europeo per sconfiggere il cancro (Europe's Beating Cancer Plan). Con nuove tecnologie, ricerca e innovazione come punto di partenza, il Piano affronta l'intero percorso della malattia, dalla prevenzione alla qualità della vita dei malati di cancro e dei sopravvissuti, concentrandosi su azioni in cui l'UE può aggiungere il massimo valore. Sarà attuato utilizzando l'intera gamma di strumenti di finanziamento della Commissione, con un totale di 4 miliardi di euro stanziati per azioni contro il cancro, compresi i programmi EU4Health, Orizzonte Europa e Europa digitale. 

 

Il Piano è strutturato attorno a quattro aree di azione chiave: prevenzione, screening rapido, diagnosi e trattamento, migliorare la qualità della vita. 

 

Prevenzione attraverso azioni che affrontano fattori di rischio chiave come il tabacco (con l'obiettivo di garantire che meno del 5% della popolazione utilizzi tabacco entro il 2040), consumo dannoso di alcol, inquinamento ambientale e sostanze pericolose.  

Screening rapido del cancro migliorando l'accesso, la qualità e la diagnostica e sostenendo gli Stati membri garantendo che il 90% della popolazione dell'UE che richiede gli screening per il cancro al seno, cervicale e colon-retto lo riceva entro il 2025.  

Diagnosi e trattamento attraverso azioni volte a garantire una cura del cancro più integrata e completa e affrontare la disparità di accesso a cure e farmaci di qualità. Entro il 2030, il 90% dei pazienti idonei dovrebbe avere accesso ai centri oncologici nazionali completi collegati tramite una nuova rete dell'UE.  

 

Migliorare la qualità della vita dei malati di cancro e dei sopravvissuti, compresa la riabilitazione, la potenziale recidiva del tumore, la malattia metastatica e le misure a sostegno dell'integrazione sociale e del reinserimento sul posto di lavoro.  

Inoltre, per sostenere le nuove tecnologie, la ricerca e l'innovazione, sarà lanciato un nuovo “Centro di conoscenza sul cancro” per aiutare a coordinare le iniziative scientifiche e tecniche relative al cancro a livello dell'UE. Verrà istituita un'iniziativa europea per l'imaging del cancro per sostenere lo sviluppo di nuovi strumenti assistiti da computer per migliorare la medicina personalizzata e soluzioni innovative. Un'attenzione particolare sarà poi riservata ai bambini, attraverso il lancio della "Iniziativa per aiutare i bambini affetti da cancro" per garantire che i bambini abbiano accesso a un rilevamento, diagnosi, trattamento e assistenza rapidi e ottimali.  

 

L’incontro si prefigge l’obiettivo di richiamare l’attenzione sul tema, offrendosi quale occasione di confronto, approfondimento e discussione con esperti del settore. 

Sarà possibile seguire la diretta sulla pagina Facebook e sul canale YouTube del Centro Studi Borgogna. 

 

A proposito di centro Studi Borgogna  

Nata nel 2017 da un’idea dell’Avv. Fabrizio Ventimiglia, il Centro Studi Borgogna è una Associazione di Promozione Culturale che opera come un laboratorio giuridico e di idee per promuovere la cultura del diritto, ispirandosi ai principi di etica, onestà e legalità, nell’ottica di contribuire al dibattito sulle principali questioni sensibili del nostro Paese. Le attività proposte dal Centro Studi Borgogna si prefiggono diversi obiettivi: promuovere il confronto tra mondi diversi arrivando a trasformare le riflessioni comuni in proposte praticabili; perseguire le finalità di promozione sociale e culturale; contribuire alla formazione dei professionisti nelle discipline giuridiche; promuovere l’amicizia, la cultura, la solidarietà e l’etica sul territorio milanese e nazionale. Al fine di perseguire tali obiettivi, l’Associazione Centro Studi Borgogna organizza conferenze, convegni e momenti formativi di varia natura; crea rapporti di collaborazione e sinergia con Università, Istituti di Ricerca e altri enti aventi finalità scientifiche; promuove la pubblicazione di documenti di approfondimento sui temi di diritto applicato; organizza eventi charity. 

Per informazioni alla stampa:  

Alessio Masi, Adnkronos Comunicazione  

Mob. 3425155458; E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.