Scoperto il gene che regola il ritmo circadiano: dormiremo meglio?
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Dom, Gen

Scoperto il gene che regola il ritmo circadiano: dormiremo meglio?

Immediapress
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Milano, 02/12/2021 - L’idea dell’orologio interno che regola il ritmo sonno/veglia e il metabolismo è ben più di un’espressione genericamente usata quando non si riesce a dormire bene: è una questione genetica che è stata di recente campo di una scoperta destinata a cambiare la qualità della

vita (o quantomeno del sonno) di molte persone. 

L’identificazione del gene orologiaio  

Esiste davvero un orologio che governa i tempi biologici all’interno delle 24 ore del giorno, definendo quello che viene chiamato ritmo circadiano; gli ultimi studi a riguardo hanno dimostrato che la definizione di questa regolarità metabolica è tutta genetica, e sono riusciti a identificare il gene a capo di questo fondamentale meccanismo biologico. Si tratta del gene Tango10, e la sua identificazione è necessaria al miglioramento della qualità della vita di una grande varietà di persone che – per una ragione o per l’altra – vive con un ritmo circadiano irregolare, andando dunque incontro a disturbi del sonno e altre patologie. 

Se ne potrebbe parlare come di uno studio recente, ma in realtà già nel 1729 erano state condotte – su piante e animali – osservazioni tali da far prendere in considerazione l’esistenza di un ciclo metabolico interno della durata di circa 24 ore, responsabile di molte funzioni dell’organismo, tra cui, nell’uomo, quelle di sonno e veglia. In crescendo – per dimensioni e complessità di analisi – sono stati analizzati i ritmi di moscerini, topi e umani, fino all’identificazione del gene Tango10, essenziale in ambito medico per il contrasto a numerosi disturbi, oggi purtroppo sempre più frequenti. 

Gli effetti di un danneggiamento del gene o di un suo malfunzionamento sono evidenti già nei moscerini, in cui l’eliminazione di Tango10 ha portato a un’iperattività tale da alterare significativamente l’equilibrio classico tra ore di sonno e ore di veglia. Il gene è, infatti, orientato chiaramente al rilascio di una proteina fondamentale al ciclo metabolico quotidiano: senza questa proteina – come nel caso del moscerino della frutta, nello specifico – viene alterato il livello di potassio in rilascio, con ricadute importanti sul metabolismo interno. 

I disturbi al ritmo circadiano  

Quando si fa riferimento al ritmo circadiano, si parla di un delicato equilibrio che interessa tutto il metabolismo della persona, e che può essere più o meno facilmente alterato da eventi forti, siano essi legati all’esperienza individuale o a elementi di stress collettivo. Un esempio su tutti, in quest’ultimo caso, è dettato proprio dalla pandemia da covid-19, che ha causato un aumento dei disturbi da ansia e depressione notevole in questo importante lasso di tempo, intaccando – nel 30% dei casi – anche il ciclo sonno/veglia dei soggetti più sensibili. 

Tra questi, figurano le donne, che stando ad ultime analisi hanno riscontrato un peggioramento della qualità del sonno (in conseguenza a un’evidente del proprio orologio interno) superiore rispetto agli uomini. Il segno è chiaro: la qualità e lo stile di vita degli italiani risentono parecchio dell’esperienza diretta del lockdown e della più generale emergenza sanitaria nel suo complesso; e a farne le spese sono anche – ma non solo – la salute menale e l’esperienza di riposo delle persone. 

Ovviamente, non sono soltanto eventi sociali traumatici come il lockdown a segnare il ritmo circadiano: a volte basta un’incongruenza temporale tra ambiente esterno e ritmo dell’orologio interno per segnare un’alterazione del ciclo circadiano sulle 24 ore; nei casi di alterazioni più importanti e durature, esistono appositi rimedi farmaceutici e naturali che possono aiutare a regolare il ritmo metabolico, dunque premi qui per maggiori informazioni . 

In generale, ad ogni modo, il ritmo circadiano sulle 24 ore non è mai una certezza secca: tende infatti a oscillare tra le 20 e le 28 ore, arrivando a coprire soltanto in media il valore di 24 ore con cui si distinguono le diverse giornate. Anche questo è stato scoperto sulla base di osservazioni su umani, insetti e vegetali, grazie a cui è stato possibile analizzare anche diverse conseguenze patologiche del disturbo del ritmo sonno-veglia. 

Se questa sincronizzazione viene meno, infatti, il rischio non si lega soltanto a fenomeni di ansia e depressione, ma può innescare anche l’insorgenza di malattie metaboliche o neurodegenerative. Da qui, l’evidente importanza della scoperta del gene Tango10, per una migliore cura del ritmo circadiano e dunque una maggiore prevenzione dei problemi legati a una sua alterazione. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.