Rubato il Centro Mobile del MOIGE a Latina
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Mer, Mag

Rubato il Centro Mobile del MOIGE a Latina

Immediapress
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Il Centro Mobile del MOIGE stava girando l’Italia per prevenire bullismo e cyberbullismo e sostenere le vittime del fenomeno  

Roma, 11 maggio 2021 - Nella notte tra il 10 e l’11 maggio a Latina è stato rubato il Centro Mobile del MOIGE – Movimento Italiano Genitori, un motorhome con il quale

l’Associazione stava girando l’Italia per prevenire atti di bullismo e cyberbullismo e sostenere le vittime del fenomeno. 

Il mezzo si trovava in un parcheggio nei pressi di via Ezio, nel centro di Latina. È già stata sporta regolare denuncia alle autorità competenti e sono state attivate le procedure per il tracciamento del percorso e la geolocalizzazione del Centro Mobile, che è provvisto di GPS. Al momento, però, non sembrano esserci aggiornamenti. 

“Siamo in costante contatto con le Forze dell’Ordine per cercare di recuperare il Centro Mobile, che in questi anni ha aiutato migliaia di minori, prevenendo anche nuovi episodi di bullismo, reale o virtuale. – Commenta Antonio Affinita, Direttore Generale del MOIGE – Un episodio deprecabile, non solo per il fatto di volersi appropriare con la forza di qualcosa che appartiene ad altri, ma, soprattutto, perché con questo gesto non si sta danneggiando soltanto il MOIGE, ma si rallentano le nostre attività a supporto di minori in difficoltà, si nega a centinaia di vittime di poter essere ascoltate, capite e aiutate, si ostacola la prevenzione di un fenomeno grave che si sta diffondendo sempre di più nelle scuole di ogni ordine e grado, si impedisce di attivare quelle iniziative di recupero che portano molti bulli a cambiare atteggiamento. Se qualcuno dovesse avere informazioni utili, lo invitiamo a mettersi in contatto con le Forze dell’ordine”. 

Per informazioni: www.moige.it  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.