Claudio Venturini della OMV: «Aumentare la produttività riducendo i tempi di lavoro è possibile»
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Sab, Giu

Claudio Venturini della OMV: «Aumentare la produttività riducendo i tempi di lavoro è possibile»

Immediapress
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Il titolare dell’azienda di Bovezzo, in provincia di Brescia, spiega i vantaggi della nuova pressa matasse  

Brescia, 26 maggio 2022. Aumentare la produttività dell’impianto riducendo tempi di lavoro è possibile: la conferma arriva dalla continua ricerca all’innovazione di OMV Officine

Meccaniche Venturini di Bovezzo, in provincia di Brescia, che ha appena introdotto una nuova pressa matasse nel proprio parco macchine.  

“La continua richiesta di innovazione nel nostro settore ci ha spinto a mettere mano ad un nostro vecchio progetto per renderlo più performante e adatto alle nuove esigenze - sottolinea Claudio Venturini, titolare dell’azienda specializzata nella progettazione e produzione di macchine legatrici, impianti per movimentazione e sistemi per confezionatura di prodotti finiti o materiali di laminazione in ferro, acciaio e ottone (fasci, tondini, matasse, profili commerciali o mercantili, travi) per impianti di laminazione e trafilatura, in particolare per il settore siderurgico -. La vecchia macchina pressa matasse era legata ad una tipologia di produzione ormai evoluta sia per le dimensioni sempre maggiori dei coils che per la velocità di esecuzione della legatura. Inoltre, l’esperienza accumulata sulle macchine già installate ha messo in luce alcune criticità di alcuni componenti che richiedevano delle soluzioni migliori e alternative e così abbiamo proceduto a fare un vero e proprio restyling della macchina culminato con la vendita e messa in produzione di una commessa per un cliente del middle-est». 

Tanti i vantaggi che vanno oltre l’aumento della produttività dell’impianto: la nuova pressa matasse garantisce infatti una maggiore semplicità di intervento nelle manutenzioni e nel reperire i materiali di ricambio sul mercato con la possibilità di legare e pressare matasse fino a 3000 kg e con altezze da 550 a 2400 mm. “Inoltre – conclude Venturini - non si ha più la necessità di trasporti e imballi speciali per la sua spedizione e una versatilità di adeguamento in base al sistema di evacuazione delle matasse del cliente”. 

Contatti: https://omv-bs.it/  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.