U-Mask: un caso di studio sul futuro delle mascherine
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Sab, Lug

U-Mask: un caso di studio sul futuro delle mascherine

Immediapress
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Milano, 23 Giugno 2022. Stiamo vivendo un periodo di transizione: apparentemente la pandemia sembra un tema del passato, ma tante conseguenze e rivoluzioni che ha portato sono e saranno ancora parte della nostra vita. Uno degli aspetti pratici su cui dovremo riflettere è il destino dell’oggetto più discusso e

“iconico” degli ultimi anni: la mascherina, nelle sue varie declinazioni: FFP2, chirurgica, FFP3, etc.  

In questo contesto, U-Mask è probabilmente uno degli esempi più brillanti tra i vari Brand di “specialisti” che hanno sviluppato mascherine FFP2 unendo qualità, prestazioni e design, come testimonia il lancio della “U-Mask Model 3” la scorsa primavera. 

Anche grazie a progetti imprenditoriali come quello di U-Mask, le mascherine (soprattutto le FFP2) si sono trasformate in accessorio quotidiano: sembra passata un’eternità da quando le mascherine sul viso erano qualcosa di estraneo alla nostra realtà, associate tuttalpiù alle grandi megalopoli asiatiche e considerate unicamente uno strumento sanitario. Dopo la pandemia, la realtà non potrebbe essere più diversa: tutti le abbiamo portate, ci siamo abituati a non uscire mai senza, abbiamo imparato a distinguerne le tipologie e sappiamo quali sono le più sicure e comode per noi. 

U-Mask e il “post pandemia”: quali sono i vantaggi delle mascherine?  

U-Mask con la sua U-Mask Model 3 e gli altri marchi produttori di mascherine FFP2 continuano ad accompagnarci nella nostra quotidianità anche in questo periodo “di transizione”: l’interrogativo da porsi riguarda i vantaggi di questa abitudine nell’era post pandemia. 

Diversi studi hanno provato a rispondere a questa domanda, facendo emergere, oltre al comprovato impatto sui contagi del virus, un’altra serie di vantaggi derivanti dall’utilizzo delle FFP2 e, di conseguenza, sul futuro di prodotti come la U-Mask Model 3 o analoghi: 

● Sicurezza in viaggio o in vacanza. Device come la U-Mask Model 3 non sono efficaci solo contro il Covid, ma contro un gran numero di infezioni, a partire dalla banale influenza; il loro utilizzo in determinati contesti, come i mezzi pubblici, potrebbe essere raccomandabile per migliorare la propria salute ed evitare le malattie stagionali o per andare in vacanza in sicurezza. 

● Protezione dei soggetti fragili. Le FFP2 si sono dimostrate fondamentali nella protezione dei soggetti fragili. Prodotti come la U-Mask Model 3 rappresentano perciò probabilmente il nuovo standard per un’interazione sicura e responsabile con questi membri della nostra società. 

● Una tutela contro l’inquinamento. Infine, il sostanziale beneficio derivante dall’utilizzo delle mascherine FFP2, è quello di contrastare un altro male “invisibile”: l’inquinamento. L’utilizzo di FFP2, già impiegate in Asia proprio a questo scopo prima della pandemia, ci protegge dai danni gravissimi che l’inquinamento delle nostre città può provocare al nostro organismo. È impressionante in questo senso comparare il dato totale dei morti per Covid-19, circa 6,3 milioni di persone, con quello dei morti a causa dell’inquinamento atmosferico: oltre 9 milioni all’anno. 

Insomma, non è difficile immaginare una serie di ragioni per cui le FFP2 come la U-Mask Model 3 rimarranno, almeno in una certa misura, una sana abitudine e parte dei nostri outfit. Ancora più semplice è individuare quali settori e contesti procederanno in diretta continuità con il periodo pandemico, incentivando l’uso delle mascherine: ristorazione, benessere della persona, cliniche, sale di attesa, eventi. In definitiva, tutti gli spazi in cui il personale si trova a contatto diretto con il pubblico e necessitano di un alto livello di igiene e protezione. 

U-Mask tra sostenibilità e ruolo sociale, con un occhio di riguardo allo sport  

Il progetto di U-Mask con la sua ultima FFP2 “U-Mask Model 3”, ci fornisce un esempio di visione di lungo termine e ci consente di provare a immaginare la natura ed il ruolo delle mascherine nella società di domani. 

Le caratteristiche delle U-Mask FFP2 saranno probabilmente quelle più ricercate nel periodo post-pandemia. Infatti, quando la mascherina diviene una libera scelta personale, ecco che, insieme alla sicurezza, aspetti come quello estetico e ambientale si spostano al centro dell’esperienza d’uso. U-Mask propone un prodotto di design, in armonia con il proprio stile personale, ma soprattutto riutilizzabile e perciò con impatto ambientale nettamente inferiore rispetto alle usa-e-getta, a cui ci siamo abituati nel vivo della pandemia. 

Già oggi la U-Mask Model 3 è utilizzata da aziende attive nell’ambito sportivo, come Torino Basket, o in quello del design come Delta Light che hanno deciso di equipaggiare il loro personale con versioni custom (nel logo e nei colori) proprio della FFP2 U-Mask Model 3. 

Sembra, in definitiva, che le mascherine non spariranno dalla nostra quotidianità, anche se il loro utilizzo sarà meno stringente e legato a comportamenti virtuosi e non più obbligatori. Per giungere ad una soluzione pratica, che ne stimoli l’utilizzo, serve che il dispositivo sanitario divenga definitivamente “accessorio”: sicuro, ma anche comodo, “bello” e sostenibile. U-Mask con la sua proposta di FFP2 sembra convincente e le “U-Mask Model 3” potrebbero essere un’anticipazione del futuro di questi wearable. 

Responsabilità editoriale: TiLinko – Img Solutions srl 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.