Festival del lavoro, Naddeo: "Lavoro agile al centro confronto su rinnovi contratti" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Dom, Set

Festival del lavoro, Naddeo: "Lavoro agile al centro confronto su rinnovi contratti"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Si sta agendo su tanti settori nella pa, dal reclutamento ai concorsi. E poi sul contratto domani apriremo il confronto sulle funzioni centrali. Poi a seguire tutti gli altri contratti. E quindi è un momento molto importante per la pa sia

per quanto accaduto nell'emergenza, con l'attivazione di strumenti innovativi come lo smart working, uno smart working di necessità, che stiamo svolgendo in modo molto semplificato e poi dovrà essere disciplinato quanto rientreremo in una situazione ordinaria. E il contratto collettivo per quanto riguarda il lavoro agile dovrà disciplinare tutta la parte normativa ed economica. Quello che è mancato nel periodo emergenziale". Così il presidente dell'Aran, Antonio Naddeo, intervenendo al Festival del lavoro.  

"Si è riuscito ad attivare il lavoro agile in forma emergenziale, ma non c'erano i contratti collettivi -ha continuato- che disciplinavano il lavoro agile nelle pubbliche amministrazioni. E per questo i contratti che andremo a definire con i sindacati sulla base delle direttive del ministro Brunetta dovranno andare a disciplinare nell'ambito del rapporto di lavoro quali sono gli istituti normativi ed economici per quanto riguarda il lavoro agile", ha concluso Naddeo.