Festival del lavoro, Fornero: "Basta dire che per far lavorare giovani deve uscire qualcuno" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Mar, Giu

Festival del lavoro, Fornero: "Basta dire che per far lavorare giovani deve uscire qualcuno"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Dobbiamo smetterla di pensare che per far lavorare i giovani dobbiamo mandare via qualcun'altro. Serve un mondo del lavoro più inclusivo, anche per le donne. E' l'occupazione che dobbiamo aumentare: tutti quelli che fanno parte della

forza lavoro e possono lavorare". Lo ha detto intervenendo al Festival del lavoro dei consulenti del lavoro Elsa Fornero, già ministro del Lavoro ed economista.  

"Di quota 100 ho sempre avuto una opinione negativa. Ho pensato subito che non fosse il momento giusto, ha creato debito, ha consentito a persone che il lavoro ce l'avevano di andare prima in pensione con nessuna penalizzazione. Sono usciti con una pensione più bassa solo perchè sono usciti prima dal lavoro. Non ha determinato alcun aumento dell'occupazione giovanile ed era discriminante anche nei confronti delle donne, non andando neanche incontro a quelle categorie in difficoltà rispetto alle quali è decoroso che lo Stato intervenga anche con misure come l'Ape social", ha detto. "Aveva valenza politica per conquistare in maniera anche facile ma a spese altrui il consenso", ha concluso.