Manageritalia, nel terziario ripartono assunzioni per uscire da crisi e creare crescita
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Gio, Mag

Manageritalia, nel terziario ripartono assunzioni per uscire da crisi e creare crescita

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Quanto e come l’impatto della pandemia sulle imprese italiane ha modificato le organizzazioni aziendali prima del lockdown? Le risposte arrivano dalla ricerca 'Manageritalia restart: Il lavoro dopo il Covid 19' realizzata

dall’omonima associazione dei dirigenti italiani del terziario in collaborazione con AstraRicerche. Oltre 1000 i manager di altrettante aziende del terzo settore (sui 38.000 dirigenti associati) intervistati sulle modalità con cui si sta affrontando l’uscita dall’emergenza, tra regolarizzazione dello smart working, segnali di crescita e ricerca di nuove competenze tecnologiche.  

Per il presidente Manageritalia Mario Mantovani: "I risultati della ricerca evidenziano un generalizzato trend di crescita delle aziende nei settori del Terziario, in alcuni di essi anche rispetto agli anni pre-pandemia. Segnali positivi che ci fanno ben sperare nella ripresa dopo l’emergenza, superata anche grazie alle qualità dei manager italiani. Ora aziende e dirigenti hanno bisogno di poter contare su competenze specialistiche che ancora mancano a troppi lavoratori italiani". 

Quasi tutte le aziende ripartono in crescendo. L’indagine di Manageritalia e AstraRicerche evidenzia dati confortanti sull’andamento del 2021: il 62 % dei manager vede il fatturato in crescita rispetto al 2019, ultimo anno pre pandemia, il 30% vede una sostanziale stabilità, solo il 10% una decrescita, comunque destinata a riassorbirsi entro il 2023. Riprendono le assunzioni alla ricerca di nuove competenze. Il blocco dei licenziamenti non ha fermato le nuove assunzioni: oltre la metà delle aziende ha comunque aumentato la forza lavoro. Dopo lo sblocco solo il 22% prevede di licenziare, mentre il 65% prevede di assumere lavoratori giovani e con nuove competenze (61,8%). 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.