Beni culturali, Csel: 51% musei non si avvale di alcun professionista Ict
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Dom, Giu

Beni culturali, Csel: 51% musei non si avvale di alcun professionista Ict

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La digitalizzazione nei musei sconta "una pesante carenza di personale specializzato (il 51% dei musei non si avvale di alcun professionista con competenze digitali) e il fatto che solo un museo su quattro ha predisposto un piano strategico per

l’innovazione digitale". Emerge da un dossier elaborato dal Csel, Centro Studi Enti Locali, per Adnkronos.  

"Questi fattori, combinati con il basso tasso di alfabetizzazione digitale degli italiani, recentemente fotografato dalla Commissione europea con il Desi 2021, hanno prodotto una accoglienza molto timida di tutto questo proliferare di offerte culturali online", spiega il Csel. 

"Secondo una indagine Swg sui consumi culturali durante i mesi di chiusure forzate, commissionata da Impresa Cultura Italia-Confcommercio, solo il 4% degli italiani ha fatto una visita virtuale completa a musei e siti archeologici, il 28% era ignara che esistesse questa possibilità e il 51%, pure essendone a conoscenza, ha deciso di non avvalersene", sottolinea.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.