Andrea Cafà (Cifa Italia): "Marocco resta paese cardine per crescita area euromediterranea"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Gio, Giu

Andrea Cafà (Cifa Italia): "Marocco resta paese cardine per crescita area euromediterranea"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"La creazione di un’area euromediterranea è interesse comune dell’Europa e dell’intero continente africano. L’Ue ha una grande responsabilità nel raggiungimento di questo obiettivo. Mi auguro, pertanto, che

possano mantenersi e rinnovarsi gli accordi già avviati con quei paesi dell’Africa che hanno dimostrato di aver raggiunto stabilità politica, crescita, sviluppo, sicurezza e rispetto dell’ambiente, in primis il Regno del Marocco. Ogni singolo paese dell’Ue è chiamato a dare il proprio contributo a sostegno del progetto, soprattutto in questo momento storico". Lo afferma Andrea Cafà, presidente di Cifa Italia.  

"Seppur con tante difficoltà politiche - spiega - dovute all’instabilità di molte aree africane, e le difficili relazioni diplomatiche, il Marocco sta cercando di trovare un equilibrio con i paesi e le aree limitrofe e di mantenere saldo il partenariato strategico con l’area dell’Unione - nonostante quanto statuito dalla recente decisione del tribunale dell’Ue con riguardo agli accordi conclusi su agricoltura e pesca".  

"Lascia ben sperare - avverte - la dichiarazione congiunta con cui Marocco e Ue hanno riaffermato le loro relazioni bilaterali, promettendo di ‘mobilirsi’ pienamente per continuare la cooperazione in un contesto di pace e nella condivisione di comuni obiettivi di crescita e sviluppo sostenibile". 

"Del resto - osserva - la partnership tra l’Ue e il Marocco, fondata sulla fiducia e sul rispetto reciproco, porta valore e prosperità non solo all’Europa ma anche all’intero territorio del Maghreb. Qualsiasi azione contraria compromette lo sviluppo globale e arresta irrimediabilmente il processo di crescita economica del continente africano, avviato per il tramite di uno dei paesi che ha dato prova di solidità e stabilità economica politica e sociale. Serve un atto di grande responsabilità che parta proprio dall’Africa, dal dialogo tra il Marocco e i paesi limitrofi, per la costruzione di una grande e solida area euromediterranea". 

“Come rappresentante dell’associazione di imprese Cifa Italia - dichiara Andrea Cafà - penso sia necessario stimolare il dialogo interculturale, gli scambi tra paesi limitrofi, e le progettualità ambiziose, come la costruzione di un territorio euromediterraneo in cui la scontro ceda il passo alla condivisione e alla costruzione del bene comune”. 

“Sono certo - conclude il presidente Cafà - che il nuovo premier del Marocco, Aziz Akhennouch, nominato recentemente dal re Mohammed VI, saprà lavorare per la pace e il benessere complessivo. A lui va il mio augurio. Spero che anche da parte dell’Ue giungano da subito segnali positivi che aiutino ad approdare a una grande area che abbracci i paesi dell’euromediterraneo”. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.