Paola Veglio, la storia di una donna leader nel settore metalmeccanico
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Mer, Mag

Paola Veglio, la storia di una donna leader nel settore metalmeccanico

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Nel mondo dell’automazione opera a Cortemilia (Cuneo) una realtà leader in Europa, Brovind vibratori spa, 18 milioni di fatturato e 160 dipendenti, una sede in Brasile e 3 in Italia, guidata da Paola Veglio, con la sua

personale visione di leadership e organizzazione aziendale. Classe 1979, con studi al Politecnico di Torino in Ingegneria elettronica e una lunga gavetta prima di diventare amministratore delegato. La sua storia, lontana dal classico stereotipo della donna in carriera, racchiude determinazione e caparbietà.  

“Donna - dice - in un ambiente metalmeccanico, con un cognome pesante, la testa dura e sognatrice. Ho iniziato a lavorare in azienda mettendo la resina nelle sonde dei controller. Non è stato facile, ma riuscire a scardinare porte chiuse è stato stimolante e fortificante”. 

“Crediamo molto - sottolinea Paola Veglio - nelle persone e investiamo energie per la loro formazione. Collaboriamo con gli istituti tecnici e le università per accogliere e formare gli studenti, offrire loro un lavoro tecnico-specialistico e rendere Cortemilia, conosciuta soprattutto per l’enogastronomia e il turismo, un polo tecnologico attrattivo per le menti più brillanti”.  

“L’azienda - afferma - si impegna per supportare lo sport, l’istruzione, i servizi e la cultura del territorio. Stiamo ristrutturando un polo produttivo dismesso di 10.000 metri quadri a Cortemilia, per creare nuovo valore e lavoro. Ci vuole coraggio a rimanere qui, in questo piccolo territorio di 2300 abitanti, tra mille difficoltà logistiche, ma noi ci crediamo e sosteniamo le persone che vogliono restare. Dare e creare valore sono indispensabili per tenere viva la comunità; in cambio riceviamo impegno, entusiasmo e partecipazione, linfa vitale per continuare a fare meglio e guardare con ottimismo al futuro”. 

Un altro progetto sta molto a cuore a Paola Veglio, e all’intera comunità, al quale si sta dedicando, in qualità di presidente del Comitato promotore. Si tratta di 'Una strada per le Langhe' e rappresenta a tutti gli effetti l’ultima e tanto attesa occasione per dare una svolta all’Alta Langa, risolvendo il problema dell’assenza di adeguate vie di comunicazione tra Alba, Cuneo e la Liguria.  

“Sono la prima a essere consapevole che recuperare i fondi necessari sarà una vera sfida, ma è un’urgenza non più procrastinabile. I nostri territori moriranno, se non troviamo il modo di ripopolare queste zone, dando servizi, potenziando le aziende presenti e collegandole con i grandi centri; lo dobbiamo ai nostri stupendi territori e alle persone che hanno deciso di viverci”, conclude Paola Veglio.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.