Pnrr, Bettoni (Inail): "Adesione a Piano nazionale della lotta al sommerso"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
07
Mar, Feb

Pnrr, Bettoni (Inail): "Adesione a Piano nazionale della lotta al sommerso"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - “Un importante progetto, che vede il coinvolgimento dell’Inail (insieme ai ministeri del Lavoro e degli Interni, Inps, Inl, Anpal, Ocse, Guardia di Finanza, Carabinieri, Conferenza delle Regioni), riguarda

l’adozione del ‘Piano nazionale della lotta al sommerso’, definita dal ministro Orlando una sfida che le istituzioni – in coerenza con gli obiettivi della Missione 5 del Pnrr ‘Politiche del lavoro e dell’occupazione’ – devono affrontare nel 2022. Questo strumento, infatti, si propone di contrastare il fenomeno del lavoro nero radicato in molti contesti produttivi”. A dirlo il presidente dell’Inail, Franco Bettoni, presentando la Relazione annuale 2021 dell’Istituto.“L’Inail, consapevole del ruolo affidatogli nel sistema di welfare italiano, ha messo a disposizione il proprio patrimonio di competenze ed esperienze nella sfida per l’attuazione del Pnrr, coniugando le finalità generali con la missione istituzionale di diffusione della prevenzione e tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro”. A dirlo il presidente dell’Inail, Franco Bettoni, presentando la Relazione annuale 2021 dell’Istituto. 

“L’Inail, consapevole del ruolo affidatogli nel sistema di welfare italiano, ha messo a disposizione il proprio patrimonio di competenze ed esperienze nella sfida per l’attuazione del Pnrr, coniugando le finalità generali con la missione istituzionale di diffusione della prevenzione e tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro”. “L’iniziativa più rilevante - spiega - riguarda l’avvio di collaborazioni strutturate e permanenti con aziende o grandi gruppi industriali del Paese, impegnati nell’esecuzione dei singoli interventi previsti dal Piano. Le opere pubbliche che dovranno essere realizzate nel campo delle infrastrutture e dell’ammodernamento dei processi produttivi, verso le nuove frontiere energetiche, tecnologiche e di sostenibilità sociale, richiedono infatti di moltiplicare le azioni di prevenzione per un efficace contrasto del fenomeno infortunistico”. 

“In tale contesto ad aprile 2022 - ricorda il presidente Bettoni - è stato siglato con il Gruppo Ferrovie dello Stato l’accordo pilota. Gli ambiti di collaborazione definiti dal protocollo comprendono iniziative di comunicazione e promozione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, la progettazione di programmi di formazione rivolti a tutti i ruoli aziendali e al personale coinvolto nella realizzazione delle grandi opere infrastrutturali e la ricerca e sperimentazione di soluzioni tecnologiche innovative per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza”. 

“Una pietra miliare del Pnrr sono gli investimenti destinati all’inclusione sociale e al mondo della disabilità. In questa cornice, l’Inail è stato chiamato a fornire il proprio qualificato contributo con la partecipazione alla ‘Commissione istituzionale’, attivata dalla ministra Stefani per sovrintendere alla predisposizione dei decreti legislativi che dovranno dare attuazione alla delega conferita al governo in materia di disabilità”.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.