Politica - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Gio, Ago

Politica

Le notizie dal mondo politico: aggiornamenti, sondaggi, analisi e approfondimenti

 

"Sia chiaro, nessuno qui esulta per un coprifuoco che dal periodo invernale si trascina alle ore 22". Così, su Facebook, l'ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte. "Si tratta di una forte limitazione alla libertà di circolazione, un sacrificio personale ed economico enorme per molti di noi. È una misura che non può che essere transitoria. Confidiamo tutti che possa essere rivista il più presto possibile, non appena l'andamento della curva epidemiologica lo permetterà. Ma sempre sulla base dei dati scientifici, applicando i criteri di adeguatezza e di proporzionalità". 

 

Riaperture con regole per zone gialle e zone arancioni e il coprifuoco alle 22 per contrastare la diffusione del coronavirus in Italia. “Riaprire alla sera e spostare il coprifuoco almeno alle 23 era inevitabile conseguenza di buon senso" dice all'Adnkronos il sottosegretario all'Interno Nicola Molteni, dopo le polemiche generate dall'orario del coprifuoco. "Per questo abbiamo chiesto cadesse un tabù ideologico non sostenuto da scienza e medicina". E "ora - ha aggiunto - confido nella tolleranza, nell'equilibro e nel buon senso da parte di chi effettuerà i controlli”. 

 

Università e coronavirus in Italia, sì alla sessione di laurea estiva in presenza. A dirlo a Buongiorno, su Sky TG24, la ministra dell'Università e Ricerca Maria Cristina Messa. "Credo proprio di sì - ha infatti replicato la ministra alla domanda sul tema -. Dobbiamo mantenere la doppia linea in presenza e a distanza, anche perché ci sono dei ragazzi che vivono fuori sede e fanno fatica a ritornare in sede per un solo mese. Dobbiamo agire soprattutto a favore delle studentesse e degli studenti".  

 

"La raccolta firme della Lega contro il coprifuoco? Mi pare una stupidaggine". Così il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. "La Lega è dentro il Governo - aggiunge De Luca - faccia le sue battaglie dentro il Consiglio dei ministri. La Lega dovrebbe dire come si contrasta l’epidemia nei luoghi di assembramento. Io sono per consentire l'apertura dei ristoranti fino alle 23 e consentire il rientro dei clienti fino alle 23.30 avendo i clienti la ricevuta fiscale da esibire alle forze dell'ordine che controllano. Non è lì che si determina l'esplosione del contagio, ma nella movida incontrollata, quando hai migliaia di persone senza mascherine che si trasmettono il contagio". 

 

La sessione di laurea estiva sarà in presenza? “Credo proprio di sì. Dobbiamo mantenere la doppia linea in presenza e a distanza, anche perché ci sono dei ragazzi che vivono fuori sede e fanno fatica a ritornare in sede per un solo mese. Dobbiamo agire soprattutto a favore delle studentesse e degli studenti”. Lo ha detto a Buongiorno, su Sky TG24, la ministra dell'Università e Ricerca, Maria Cristina Messa. 

 

 

"Fratelli d'Italia porterà in Aula domani un Odg per abolire il coprifuoco. Vediamo chi lo sosterrà e chi invece si schiererà ancora una volta in favore di una misura inutile e liberticida". Così Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, in un post su Facebook.  

 

Nel giorno in cui in Italia torna la zona gialla e, con lei, le riaperture di ristoranti e bar all'aperto, non si placa la polemica sul coprifuoco e la raccolta firme contro il provvedimento da parte della Lega di Matteo Salvini. Ad attaccare il leghista è l'ex segretario del Pd Nicola Zingaretti, oggi ospite di Rainews24. "Per me - spiega - l'orario del coprifuoco va valutato in una strategia completa, se il governo decide per le 22 è inaccettabile che una parte del governo raccolga le firme contro quello che decide il governo". 

 

Riapertura totale e stop al coprifuoco da metà maggio se i dati scientifici continueranno a essere positivi. Lo dice Matteo Salvini, ospite di Rtl 102.5, parlando del prossimo decreto in tema di riaperture. "Siamo d'accordo con Draghi, entro metà maggio ci sarà un aggiornamento in base ai dati scientifici, se continueranno a essere positivi, dal nostro punto di vista la riapertura deve essere totale, con azzeramento del coprifuoco", ha affermato il leader della Lega, ribadendo la posizione del partito contro il coprifuoco. "Se c'è qualcosa che non convince, come il coprifuoco, che non ha senso, ma è scelta politica, lo diciamo, in 24 ore quasi 60mila persone hanno firmato il nostro appello online".  

 

Recovery Plan, il premier Mario Draghi oggi alla Camera per illustrare il Piano nazionale di ripresa e resilienza, approvato dal Consiglio dei ministri. Mercoledì pomeriggio il passaggio al Senato. Secondo quanto si apprende, il premier avrebbe sottolineato ieri l'importanza di andare in Aula per sottoporre il piano sul Recovery al giudizio di Camera e Senato, lasciando intendere che si tratta di un testo non blindato, ma aperto a migliorie. Draghi, riferiscono alcuni ministri, avrebbe assicurato che il passaggio alle Camere del Piano sarà fatto nel rispetto delle prerogative parlamentari. 

 

Da quasi pariah a 'modello'. Il Financial Times torna a dedicare un articolo al nostro Paese intitolato 'Come l'Italia di Draghi è diventata un modello europeo'. Il quotidiano britannico parte ricordando come due anni fa "un furibondo Emmanuel Macron avesse richiamato l'ambasciatore a Roma dopo che il vice premier italiano (Luigi Di Maio) aveva avuto un incontro non autorizzato con i 'gilet gialli' francesi, mentre l'allora ministro dell'Interno Matteo Salvini riempiva i media con tirate contro Bruxelles e sorrideva nei selfie con Marine Le Pen".  

 

Scontro sul coprifuoco tra Matteo Salvini e Enrico Letta. "Il segretario del Pd Letta non si fida degli italiani e li vuole tenere ancora chiusi in casa. Io mi fido degli Italiani e vorrei che tornassero a vivere, lavorare, sorridere" dice Salvini, con un tweet caratterizzato dall'hashtag #nocoprifuoco. Il leader della Lega risponde a stretto giro a Enrico Letta sul tema del coprifuoco, che divide Lega e Partito Democratico. Letta, ospite di Lucia Annunziata a Mezz'ora in più, ha stigmatizzato la posizione assunta dal Carroccio. 

 

"Voglio che questo governo vada avanti fino alla fine della legislatura, ma è successo una sola volta e non deve succedere più che un partito dentro la maggioranza non voti come la maggioranza". Enrico Letta, segretario del Pd, si esprime così sull'astensione della Lega in relazione al decreto riaperture.