Consultazioni, Bonaccini: "Vaccini e Piano nazionale ripresa tra priorità Regioni" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Sab, Lug

Consultazioni, Bonaccini: "Vaccini e Piano nazionale ripresa tra priorità Regioni"

Consultazioni, Bonaccini: "Vaccini e Piano nazionale ripresa tra priorità Regioni"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nel corso delle consultazioni con il presidente incaricato Mario Draghi, "come conferenza delle Regioni abbiamo indicato due priorità assolute: la prima è quella della lotta alla pandemia, che rispetto allo scorso anno vede uno strumento nuovo e decisivo, i vaccini.

alternate text

 

Quindi abbiamo offerto tutta la nostra collaborazione affinché la campagna vaccinale sia la più rapida e incisiva possibile". Lo ha detto il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini al termine dell'incontro. "Ringraziamo Draghi per averci incontrato, non era scontato - ha aggiunto Bonaccini - e per noi che rappresentiamo i territori è un fatto molto importante". 

Sul piano di Ripresa e Resilienza ''abbiamo chiesto un incontro urgente al presidente, augurandoci che il governo nasca il prima possibile, perché su questo non eravamo riusciti a incontrare il presidente Conte'' e ''perché, avendo davanti poche settimane, serve una più concertata e condivisa collaborazione. Nessun governo senza la compartecipazione degli enti locali può riuscire a mettere a terra in pochi anni oltre 200 miliardi di euro", ha detto ancora Bonaccini. 

Il piano di ripesa e resilienza, ha precisato Bonaccini, vede ''strumenti formidabili dal punto di vista della quantità di risorse, è un fatto storico, un piano formidabile per poter mettere a terra oltre 200 miliardi di euro, che serviranno al questo paese per avere una grande capacità di ripresa''.