Salvini: "Ricciardi chiede lockdown? Non se ne può più" - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Gio, Dic

Salvini: "Ricciardi chiede lockdown? Non se ne può più"

Salvini: "Ricciardi chiede lockdown? Non se ne può più"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Non se ne può più...". Matteo Salvini, leader della Lega, commenta così le dichiarazioni di Walter Ricciardi. Per il consigliere del ministro della Salute, Roberto Speranza, è necessario un lockdown totale per arginare la diffusione del coronavirus.

"Mi fido dei medici e degli scienziati. Non mi va bene che questo consulente del ministro dica 'bisogna chiudere tutto, ne parlerò con il ministro più tardi'. No. C'è un presidente del Consiglio che si chiama Mario Draghi? Prima di terrorizzare 60 milioni di abitanti, fai il favore di parlarne con il presidente del Consiglio", dice Salvini a Mezz'ora in più. "Ci sono tanti scienziati che non la pensano come il dottor Ricciardi, li metti attorno al tavolo e chi convince di più, numeri alla mano, ha ragione. Non ne possiamo più di aprire, chiudere...". Gli scienziati "si mettessero attorno ad un tavolo, non possono dire dieci cose diverse", aggiunge Salvini.  

Per il Cts, non ci sono le condizioni per la riapertura degli impianti sciistici. "Dicono oggi il contrario di quello che hanno detto la settimana scorsa. La saluta viene prima di tutto, ma mettetevi nei panni di un imprenditore che ha organizzato, ha assunto personale, ha venduto gli ski-pass...".. "Di salute si occupano gli scienziati, non è una scelta politica. Io chiedo, in questo caso al ministro Speranza, di pianificare: non si può dire sì il 3 febbraio e dire no il 14 febbraio. Il virus è imprevedibile? Allora non si dice 'sì' la settimana prima, non si può fare 'apri-chiudi, apri-chiudi...'.".