Giustizia, Letta: "Salvini non vuole riforma e butta palla in calcio d'angolo" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Mer, Ott

Giustizia, Letta: "Salvini non vuole riforma e butta palla in calcio d'angolo"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Incontrare Salvini sulla giustizia? Io incontro tutti, ma vedo che Salvini ha un'altra agenda su questo punto, pensa che il referendum sia meglio... la mia impressione è che lo fa perché non vuole affrontare questo tema oggi, non vuole fare la riforma con noi e con il referendum butta la palla in calcio d'angolo. Noi siamo per farla subito". Così Enrico Letta a Rainews24.  

alternate text

 

"Oggi - sottolinea il segretario Pd - abbiamo un'occasione unica e straordinaria" per fare la riforma della giustizia. "Ho molta fiducia nel ministro Cartabia e in Draghi. Cartabia passerà alla storia come il ministro che avrà superato la contrapposizione politica decennale sulla giustizia". 

Letta dice poi che "non è tempo di azioni ordinarie, usciamo dalla pandemia sconvolti" in tutti gli ambiti. Al governo "ogni giorno è una fatica perché è una maggioranza molto larga e composita", "ma sono molto contento di quanto accaduto in questi tre mesi. Ora ci sono molte scelte complesse sul dopo pandemia" e "non è l'ordinarietà che ci porterà a vincere". 

Giuseppe Conte vuole staccare la spina al governo Draghi? "In questi due mesi da quando sono tornato vedo che il gossip è diventata una mania, uno sport nazionale", meglio "non andare dietro a questi gossip e pettegolezzi - replica il segretario Pd - Io so che Conte sta facendo un ottimo lavoro con i 5 Stelle. Lo dimostra anche l'ottima soluzione per Napoli". 

Sulla sua proposta della dote ai 18enni, Letta spiega che "è un simbolo, un modo per dire ai ragazzi - che si sono sacrificati per salvare gli anziani - che il Paese tutto ne è consapevole e li vuole risarcire e dare un'opportunità per diventare indipendenti o con una attività professionale o con lo studio". 

Quanto al blocco dei licenziamenti, "noi siamo per un'uscita graduale e selettiva. Ci sono settori per cui il blocco dei licenziamenti non ha più senso, come l'edilizia. Mentre per i servizi o il tessile non è così. Quindi è giusto andare a individuare i settori più in difficoltà e aiutarli".  

Poi il Colle. "Mi sono dato una regola: del Quirinale si comincia a parlare il giorno dopo il panettone..." dice Letta.