M5s, Mannheimer: "un partito di Conte non supererà il 10%, si prospetta male" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Ven, Lug

M5s, Mannheimer: "un partito di Conte non supererà il 10%, si prospetta male"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L'ipotesi di un partito di Giuseppe Conte "si prospetta male. Conte si è innamorato della politica e adesso approfittando della sua popolarità ha voglia di restarci provando a fare un suo partito. Ma fare un partito proprio, in un'area di centro sinistra affollatissima è molto difficile tanto più che mancano due anni alle elezioni e che conservare la popolarità di adesso senza una struttura, ma solo attraverso i parlamentari grillini più affezionati alle istituzioni, è molto difficile".

alternate text

 

Lo dice all'Adnkronos il sondaggista Renato Mannheimer ed afferma: "Io non credo che un partito di Conte possa superare il 10%".  

"Sarà un disastro elettorale - prosegue - perché lo scenario è molto intasato e Conte non ha un vero programma. Non è un politico esperto e qualificato. In questo Grillo ha ragione". Per il resto, "hanno torto entrambi perché non hanno a cuore l'interesse del Paese e sono pertanto destinati ad una fine ingloriosa".  

Secondo il sondaggista, "Grillo non riuscirà più a costruire un movimento che ha deluso i suoi elettori. I voti al M5s sono dimezzati ed anche se c'è uno spazio per un movimento di protesta non sarà lui a poterlo conquistare". Per quanto riguarda Conte, il riscontro sarà positivo nel breve periodo, "da qui alle elezioni. Ma non prevedo - conclude - successo elettorale, né nulla di paragonabile al trascorso trionfo dei grillini". (di Roberta Lanzara)