Governo, incontro Draghi-Conte a Palazzo Chigi - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Sab, Lug

Governo, incontro Draghi-Conte a Palazzo Chigi

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il leader in pectore del M5S, Giuseppe Conte, ha incontrato a Palazzo Chigi il premier Mario Draghi. L'ex presidente del Consiglio è entrato nella sede del governo a bordo di un'auto. 

Sulla riforma della giustizia, a Draghi "ho assicurato un contributo attento e costruttivo da M5S. Il M5S si era già distinto e aveva

lavorato per l'accelerazione dei processi e anche in Parlamento darà un contributo per migliorare e velocizzare i processi. Ma a Draghi ho ribadito che saremo molto vigili nello scongiurare che non si creino soglie di impunità. Si continuerà a lavorare e M5S sarà molto attento per miglioramenti e interventi che possano scongiurare soglie di impunità", spiega il leader M5S al termine dell'incontro. 

Quanto alla fiducia sulla riforma Cartabia, l'ex premier assicura di "non averne parlato" con Draghi, in un incontro che definisce "proficuo e cordiale". Ma sulla giustizia, rimarca, "mettiamo da parte bandierine e ideologie, vogliamo dare agli italiani un'amministrazione della giustizia con tempi chiari e definiti ma assicurando anche il principio che alle vittime dei reati venga assicurata giustizia. Non possiamo assolutamente creare le condizioni e il rischio che possano svanire i processi". Sui tempi "al governo stanno a cuore tempi molto rapidi nell'approvazione, ma c'è una dialettica parlamentare ed è giusto si sviluppi". 

Al premier Mario Draghi, ha aggiunto, "ho ribadito e anticipato il pieno sostegno del M5S sul completamento piano vaccinale e alla politica sanitaria. C'è una recrudescenza del numero dei contagi, non possiamo abbassare la guardia ma mantenere sempre vigili i presidi. Dobbiamo continuare a promuovere la campagna vaccinale perché è l'unico vero antidoto per poter contrastare la diffusione della pandemia, le nuove ondate, ed è il modo migliore per proteggere il tessuto economico e sociale".  

"Il ministro Cingolani ha tutta la nostra fiducia, è un ministro che sta lavorando molto e il M5S darà un grande contributo. Tutti parliamo di transizione ecologica ma come realizzarla, come declinare i progetti, come perseguire l'economia circolare... beh, su questo bisogna rimboccarsi le maniche e passare dagli slogan ai fatti concreti", ha detto ancora spiegando di essersi confrontato con il presidente del Consiglio anche di transizione ecologica, tema prioritario per il Movimento.  

Candidarsi alle suppletive? "No, per me la politica è dappertutto, nelle piazza, nei territori. In questo momento il mio impegno prioritario è lavorare per il rilancio del M5S", dice Conte al termine dell'incontro. Per quanto riguarda il Ddl Zan, "è una legge che appoggiamo", spiega ancora. 

"Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha incontrato a Palazzo Chigi il professor Giuseppe Conte. Durante il colloquio sono stati affrontati temi legati all’evoluzione della situazione epidemiologica, alla transizione ecologica e alla riforma della Giustizia". Così in una nota seguita all'incontro e diramata da Palazzo Chigi.