Nucleare, Salvini: "Centrale in Lombardia? Che problema c'è" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Sab, Set

Nucleare, Salvini: "Centrale in Lombardia? Che problema c'è"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Metterei una centrale nucleare in Lombardia? Sì, che problema c'è". Matteo Salvini, dopo l'apertura sul tema del nucleare, lo dice a Radio Anch'io, su Rai radio 1, rispondendo a una domanda sulla sua regione. Per le tariffe elettriche, spiega ancora il leghista, "l'aumento del 40% dipende da fattori internazionali, avere buoni

rapporti con la Russia aiuterebbe". "L'Italia è l'unico paese del G8 senza nucleare, oggi sono funzionanti 128 centrali nucleari, di cui 58 in Francia", ricorda Salvini. "La Svezia di Greta - conclude - ha otto centrali nucleari". 

Ma la sottosegretaria al ministero della Transizione Ecologica Ilaria Fontana, che ha preso parte ieri all'incontro tra Giuseppe Conte, la delegazione dei ministri del Movimento 5 Stelle e il ministro Roberto Cingolani, ribadisce: "L'Italia non abbraccerà l'energia nucleare e su questo siamo tutti d'accordo, così come siamo d'accordo sulle priorità di questa fase storica: efficienza, rinnovabili, economia circolare, riduzione delle bollette e una transizione ecologica inclusiva, che non lasci indietro nessuno".  

"Questa visione è già realtà concreta grazie a diverse misure messe in campo dal Movimento 5 Stelle e nei prossimi mesi raccoglieremo i frutti del lavoro che abbiamo fatto e che continueremo a fare", conclude Fontana