Quirinale, Pd attende ma giornata gira a vuoto. "Centrodestra è nel pallone"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Mer, Mag

Quirinale, Pd attende ma giornata gira a vuoto. "Centrodestra è nel pallone"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - A sera al gruppo Pd, dove Enrico Letta è rimasto quasi tutto il pomeriggio, lo stato dell'arte è riassunto così: "Se a stretto giro non c'è una novità, la giornata è finita con un nulla di fatto". Un'altra giornata. Tanto che non sono stati neanche convocati i grandi elettori Pd. Elementi

nuovi non ce ne sono. "Nessuna telefonata con Salvini e nessun incontro", dice Letta intercettato dai cronisti al gruppo Pd nel tardo pomeriggio. Per tutto il giorno si è attesa un'iniziativa che, dicono fonti dem, non è mai arrivata.  

"Salvini cambia idea ogni due ore...", dicono i parlamentari Pd mentre le ore passano e i nomi su nomi vengono buttati nel frullatore. Rispunta persino Franco Frattini, su cui già due giorni fa Letta e Renzi hanno fatto asse per stopparlo. "Siamo tornati al via, un nome già fatto e sul quale abbiamo già abbondantemente espresso le nostre perplessità", dicono le capogruppo Pd mentre Letta lascia la Camera scuro in volto.  

"Sono nel pallone, ieri è andata così male per il centrodestra che sono letteralmente paralizzati", è la riflessione in ambienti dem. Il riferimento è al tentativo di spallata con Elisabetta Casellati stoppato anche dalle stesse divisioni interne al centrodestra. Di lì non è maturato lo scatto atteso. Ieri in serata quando tutto sembrava portare a Pier Ferdinando Casini, l'operazione sarebbe stata bloccata da un ripensamento di Salvini che pure aveva dato l'ok a Matteo Renzi poco prima.  

Poi una girandola di nomi impazzita. Finiscono nel frullatore personalità come Elisabetta Belloni e Sabino Cassese. Nomi ovviamente 'plausibili' per i dem in quanto rispettano i criteri di cui Letta parla da tempo. Ma nomi mai avanzati in un confronto, chiesto ormai dai due giorni dal centrosinistra, che non si è concretizzato. E poi arriva l'indiscrezione -smentita dalla Lega- su Giampaolo Massolo e quindi in serata ricompare Frattini. Caustico Renzi che descrivono come molto alterato: "C'è chi ha scambiato l'elezione del presidente della Repubblica per le audizioni di X Factor".  

"L'unica soluzione - è il mantra che si ripete al Nazareno - è che si arrivi a un nome super partes che possa raccogliere il consenso della maggioranza e anche oltre". Dice la capogruppo Simona Malpezzi: "Si sta aspettando che tutti capiscano che questa maggioranza deve scegliere il presidente insieme". E le soluzioni possibili - da Mario Draghi al Mattarella bis - restano quello di partenza. 

Oggi i voti per Mattarella sono arrivati a ben 166. In un'aula lasciata quasi all'autogestione dai 5 Stelle che indicano bianca ma anche libertà di coscienza. E il centrodestra che addirittura sceglie di non partecipare al voto. "Hanno paura di quello che possono fare i loro nel segreto dell'urne. Un segnale di debolezza pazzesco.", commentano i parlamentari dem in Transatlantico. "Tre votazioni con la scheda bianca, oggi astensione. Questo -dice Renzi- doveva essere l'esame di maturità del centrodestra e loro si sono giustificati...". Vista la situazione di totale stallo, c'è chi scommette che servirà anche l'intera giornata di domani per le trattative. Sempre che nelle prossime ore, a sorpresa, non arrivi quella proposta che tutto il giorno si è aspettata capace di sbloccare la situazione.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.