Conte: "Lavorare meno a parità di salario, è ora di provare"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
04
Dom, Dic

Conte: "Lavorare meno a parità di salario, è ora di provare"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - "La riduzione del tempo di lavoro a parità di salario è una proposta che abbiamo lanciato con forza in campagna elettorale e che porteremo avanti fin dall'inizio della nuova legislatura. Rispetto agli altri principali Paesi europei, infatti, in Italia si lavora di più ma la produttività rimane

stagnante. È giunto il tempo di invertire questa tendenza: il nostro obiettivo è sperimentare questa misura nei settori a più alta intensità tecnologica, senza imporla alle imprese, ma anzi discutendone con loro. Possiamo partire da quattro ore di riduzione sulle 40 settimanali". Lo scrive sui social il presidente del M5S, Giuseppe Conte. 

"In Europa, molti altri Paesi si sono già mossi in questa direzione. Da giugno nel Regno Unito un progetto simile, gestito, fra gli altri, dai ricercatori delle università di Oxford e Cambridge, sta coinvolgendo 3.300 dipendenti di 73 aziende. Dopo le prime settimane dal suo avvio, alcuni dei lavoratori coinvolti hanno dichiarato di sentirsi più sani e maggiormente produttivi, al punto che l'86% delle imprese sta pensando di rendere permanente tale progetto. Ciò dimostra che, per affrontare le sfide che ci riserva il mercato del lavoro nell'era post Covid, serve un vero e proprio cambio di paradigma. Partiamo da qui: il Movimento 5 Stelle è pronto", conclude l'ex premier. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.