Covid odori e gusto, l'otorino: "Alterati in quasi il 10% dei guariti" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
17
Lun, Mag

Covid odori e gusto, l'otorino: "Alterati in quasi il 10% dei guariti"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Un'alterazione nella qualità del gusto e dell'olfatto, che porta a percepire in maniera differente odori e sapori che solo pochi mesi prima erano consueti. E' una 'eredità' che il Covid lascia a una percentuale di guariti che può arrivare quasi al 10%. E che, fortunatamente, è transitoria per la stragrande

maggioranza delle persone, ma con durata estremamente variabile, si va da poche settimane a oltre un anno, se non si fanno terapie ad hoc. A tracciare il quadro del particolare disturbo che, a volte, accompagna chi ha superato l'infezione da coronavirus, è Giulio Cesare Passali, ricercatore di Otorinolaringoiatria della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli Irccs di Roma, in base a studi realizzati sui dati di circa 2.000 pazienti, osservati al Day Hospital post Covid del Policlinico romano. 

Per quanto riguarda il legame tra disturbi dell'olfatto e Covid, sui pazienti osservati "c'è un'incidenza intorno al 45% di persone che dichiarano di averli avuti nella fase acuta dell'infezione. Di questi un 30% circa continua ad averli al momento del controllo, ovvero a una distanza dalla fase acuta che può andare dai 2 ai 6 mesi. Facendo i test sulla funzione olfattiva, però, i risultati sono in genere buoni, con dati normali o lievemente alterati. Accade che a volte i pazienti dichiarano di avere problemi di olfatto anche se non è proprio così. E possiamo dividerli in due gruppi diversi: una parte ha una problematica psicologica perché non si rende conto di sentire gli odori, fatica a riprendere la normale percezione dopo l'anosmia; in un'altra parte, invece, l'alterazione rimane ma in termini di qualità, non di quantità". 

Questo è dovuto al fatto che il virus, continua Passali, "non sembra colpire i neuroni olfattivi, ma le cellule di sostegno. Le cellule epiteliali in cui i neuroni sono inseriti nel nostro naso. E' un po' come se in una pianta venissero scoperte le radici. In pratica manca il terreno che dà nutrimento a questi neuroni che, per questo, non funzionano in modo consueto. Ed è questo a dare una sensazione olfattiva che non è normale: la molecola odorosa reagisce con i recettori odorosi con una reazione chimica, ma se si cambia il terreno in cui avviene la reazione cambia anche il risultato. Quel gusto alterato è legato a questo. Si viene a creare, in termini tecnici, una rinite atrofica - spiega - un'alterazione della mucosa nasale che incide sulla funzionalità olfattiva". 

Si tratta di una condizione, continua l'esperto, "reversibile quasi nella totalità dei casi, con una ripresa del 99,6%. Quello che varia molto sono i tempi. Ci sono pazienti che recuperano dopo poche settimane, alcune dopo qualche mese, altre dopo un anno e più". Ciò che sembra essere assolutamente controindicato "sono le terapie cortisoniche nasali che allungano i tempi di recupero o che, addirittura, peggiorano la situazione olfattiva". Sono invece utili "le terapie di reidratazione nasale, che si fa attraverso lavaggi di soluzione fisiologica e sostanze locali a base di acido ialuronico", conclude Passali.