Covid oggi Italia, nessuna regione a rischio alto - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Lun, Ott

Covid oggi Italia, nessuna regione a rischio alto

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Coronavirus in Italia, ad oggi nessuna Regione o Provincia autonoma è a rischio alto per Covid. Quasi tutte sono infatti classificate a rischio epidemico basso. Solo una Regione riporta un’allerta di resilienza. Nessuna, invece, riporta molteplici allerte di resilienza. E' quanto emerge dalla bozza di monitoraggio dell'Istituto

Superiore di Sanità (Iss) e ministero Salute, relativo alla settimana 13- 19 settembre e aggiornato al 22 settembre. Anche questa settimana, infine, "sono 4 le Regioni che risultano classificate a rischio moderato". 

Solo la Sicilia registra, questa settimana, più parametri al di sopra soglia di allerta epidemica: per quanto riguarda l'occupazione delle terapie, intensive da parte di pazienti Covid, raggiunge, al 21 settembre, il 10,7% (contro il 5,4% della media nazionale e il 10% come soglia limite), per i posti letto di area medica, raggiunge il 17,3% contro il 6,8% della media nazionale (soglia limite 15%). E' quanto emerge dalla tabella degli indicatori decisionali aggiornata al 23 settembre. L'Isola presenta anche la più alta incidenza a sette giorni: 148,7 su 100 mila abitanti contro la media nazionale di 64.  

Al di sopra della soglia per il solo parametro altre tre Regioni: la Provincia autonoma di Bolzano - all'11,3% per l'occupazione della terapia ma ben al di sotto della media, a 3,8%, per l'area medica - la Basilicata al 15,4% per l'area medica (ma la 4,8% per la terapia intensiva) e la Calabria al 18,5% per l'area medica ma al 7, 7% per la terapia intensiva.