De Clerq: "Guarire dall'anoressia si può e Martina Trevisan è l'esempio"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Lun, Ago

De Clerq: "Guarire dall'anoressia si può e Martina Trevisan è l'esempio"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - "L'anoressia può uccidere. E' la prima causa di morte tra le malattie psicologiche dei giovani, anche se di questo non si parla mai. Ma si può anche guarire completamente". Perché ciò accada, però, "è fondamentale trattare le cause, le emozioni e i traumi che stanno sotto l'iceberg del

sintomo alimentare. Non è sufficiente curare l'appetito". Lo spiega all'Adnkronos Salute Fabiola De Clerq, scrittrice, fondatrice e presidente dell'Associazione bulimia anoressia (Aba), che commenta l'exploit della tennista Martina Trevisan a Parigi, tornata al tennis dopo un difficile periodo legato a questo disturbo dell'alimentazione. "Per uno sportivo, che chiede molto al suo corpo, può essere anche più difficile uscirne. Ma, con i giusti interlocutori - sottolinea De Clerq - la guarigione è totale".  

"Martina Trevisan - continua - ha vinto sull'anoressia, si è curata. E quando si guarisce, si guarisce completamente. Questa ragazza ha avuto la capacità di uscirne. Serve una terapia in grado di curare le cause psicologiche, la parte sommersa della malattia. Si può tornare ad avere un corpo performante, una testa performante". Martina, poi, "è una sportiva professionista, non è una che si fa una corsetta nel parco la mattina. E' una ragazza che deve mettere alla prova il suo corpo in modo agonistico, si deve allenare tutti i giorni, non saltare mai. E ha necessariamente un rapporto complesso con il suo corpo, che è la sua forza e la sua debolezza. Per uscire dall'anoressia ci è voluta sicuramente una grande forza di volontà per guarire fino in fondo". Per Declerq "è un importante esempio di come ci si possa lasciare alle spalle questa malattia".  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.