Salute, epatologa Brunetto: "Epatite Delta è malattia 'silenziosa' e grave"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
04
Dom, Dic

Salute, epatologa Brunetto: "Epatite Delta è malattia 'silenziosa' e grave"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - “L’epatite Delta è un’infezione virale provocata dal virus dell’epatite D, Hdv, che fornisce a questo virus un 'mantello' di rivestimento che permette all’Hdv di uscire ed entrare nell’epatocita. È una malattia severa perché ha una tendenza evolutiva verso la fibrosi, la

cirrosi ed anche un rischio di epatocarcinoma elevato. Ed è per questo che viene identificata come la forma di epatite virale più dura". Così Maurizia Brunetto, direttore Uo epatologia dell’azienda ospedaliera di Pisa, a margine del primo Delta Cure International Meeting a Milano. 

"Può colpire solo le persone che hanno un’infezione da epatite B e si stima che circa il 5-7% dei portatori dell'infezione da Hbv abbiano anche la coinfezione da virus dell’epatite Delta". L'esperta sottolinea però che la malattia è grave anche perché per anni resta 'silenziosa': "Un problema che abbiamo con tutte le epatite virali - sottolinea - è che si presenta in forma asintomatica. Il paziente per anni non ha sintomi, può scoprire di avere il danno epatico facendo dei test di laboratorio, trova le transaminasi alterate e da quel momento si innesca un percorso diagnostico che può portare alla presenza dell’infezione. Inoltre - conclude Brunetto - abbiamo altri test, molto comuni, come l’ecografia che possono far nascere il sospetto di una malattia di fegato anche se questi esami già evidenziano una malattia più avanzata". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.