Le parole di Franco Battiato, lo studio - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Gio, Dic

Le parole di Franco Battiato, lo studio

Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La vita è amore. Così Franco Battiato ha cantato, negli anni, il miracolo dell’esistenza e del mondo: descrivendo un Universo nel quale la meraviglia e il misticismo si mescolano all’ascolto dell’assoluto e del tempo. Anche l’analisi statistica delle parole usate nelle sue canzoni rivela la bellezza del suo mondo interiore, svelandone i desideri, i sogni e le paure.

alternate text

 

Baia, business unit del Gruppo United www.unitedspa.it, ha analizzato tutti i termini di quasi 150 canzoni di Battiato, scoprendo i vocaboli più usati dal cantautore per comunicare la ricchezza del suo mondo.

Tra le quasi 18.000 parole che compongono l’insieme dei suoi testi, sono tre i termini usati più di frequenza: “vita”, “amore” e “mondo”, citate rispettivamente 53, 51 e 42 volte. E questo perché per l’artista siciliano era proprio l’amore a dare il senso alla vita e al mondo intero.

E ancora, al quarto e quinto posto troviamo le parole “quando” e “tempo”: due termini che aprono la riflessione al mistero dell’eternità e della durata effimera della nostra vita e dei nostri sentimenti.

E poi, come si vede nella word cloud che evidenzia i vocaboli più usati da Battiato, compare il termine “occhi”, perché il vedere accompagna l’ascolto e la contemplazione.

Ma, dopo “occhi”, ecco la parola che sembra raccontare gli ultimi anni della vita dell’artista: quel “solo” che parla di solitudine, di nudità e di povertà. Un “solo” che rivela l’esperienza dell’essere umano che deve affrontare il suo destino, accettando le sfide più dure e ineludibili, tra le quali la morte e la malattia, in solitudine.

Non è la solitudine, tuttavia, ad avere letteralmente l’ultima parola. Scopriamo infatti, nella classifica dei termini più frequenti, tre vocaboli che parlano di speranza: “ancora”; “terra” e “sempre”.

“Sempre” e “ancora”: quasi un preludio a un’alterità che il cantautore percepiva, ma che sentiva incarnata e presente nella “terra” sulla quale camminava, e non in un al di là etereo e troppo lontano.

“E’ impressionante scoprire come l’analisi statistica dei vocaboli usati nei testi di Battiato dica così tanto della poesia di Battiato”, commenta Andrea Carobene, direttore di Baia. E questo forse spiega anche perché lo stesso Battiato fosse affascinato dai numeri e dalla matematica, fino al punto di concludere la canzone “Fenomenologia” dell’album Fetus con una formula di trigonometria che, a lui, forse ricordava la doppia elica del Dna, ossia l’origine della vita. Perché la vita è amore.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002