Piparo: "Teatri chiusi e meno repliche, ma al Sistina sold-out con più controlli"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Sab, Ago

Piparo: "Teatri chiusi e meno repliche, ma al Sistina sold-out con più controlli"

Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Da tante parti d'Italia mi arrivano notizie di sale chiuse, spettacoli cancellati, repliche dimezzate... noi al Sistina stiamo invece registrando un sold-out dietro l'altro: credo sia merito anche delle rafforzate misure di sicurezza e di controllo che adottiamo, a parte ovviamente l'alta qualità degli spettacoli proposti e un teatro ristrutturato e rinnovato".

alternate text

 

A sottolinearlo all'AdnKronos è Massimo Romeo Piparo, direttore artistico del teatro Sistina di Roma, il tempio del musical e della commedia musicale italiana, con 1.500 posti in platea, dove sta andando in scena 'Mamma mia!' con le mitiche musiche degli Abba.

"Ad esempio - prosegue Piparo - abbiamo inserito un sistema di verifica dell'identità rispetto al green pass: una misura che il pubblico mostra di apprezzare, in tanti ci hanno detto 'bravi!' e nessuno ha mostrato segni di insofferenza o men che meno ha protestato, anzi... Ci hanno detto che dovrebbero affidarci egli hub vaccinali!". Si potrebbero chiamare Abba vaccinali, visto lo spettacolo ora in scena... "Vero, proprio così", ride Piparo.

Inoltre, prosegue il direttore artistico del Sistina, "per rassicurare sulla tenitura degli spettacoli abbiamo provveduto a organizzare un doppio cast, con persone pagate ma che restano a casa rimanendo pronte a coprire i ruoli di chi dovesse abbandonare la scena perché colpito dal Covid, E il cast 'titolare', compreso i protagonisti come Conticini, Muniz e Ward, sta facendo una vita monacale, praticamente una sorta di lockdown volontario e autoimposto, avendo capito che l'unico modo per continuare a lavorare in serenità è quello di creare una 'bolla' per evitare al massimo la possibilità di contagi".

(di Enzo Bonaiuto)

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.