Ginnastica: Tecchi (Fgi), 'oggi giornata storica, sport Azzurro in cima alla piramide'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
14
Dom, Ago

Ginnastica: Tecchi (Fgi), 'oggi giornata storica, sport Azzurro in cima alla piramide'

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Cocciaro: "Così si va a Parigi!". Chechi: "Bravo Nicola, finalmente un altro oro mondiale".

Questa pioggia di medaglie è una cosa meravigliosa, i ragazzi e le ragazze della ginnastica raccolgono il sacrificio quotidiano di anni. Merito anche dei nostri tecnici che hanno saputo risollevare il movimento da un momento piuttosto oscuro e ora siamo in vetta al mondo".

Lo dice all'Adnkronos il presidente della Federginnastica, Gherardo Tecchi, dopo lo storico oro di Nicola Bartolini al corpo libero, l'argento di Asia D'Amato al volteggio e il doppio podio -argento e bronzo- agli anelli per Marco Lodadio e Salvatore Maresca. In particolare "Bartolini ha fatto qualcosa di epico, conquistando l'oro, per la prima volta nella nostra storia ultracentenaria. Se prendiamo in considerazione anche le Olimpiadi, con l'Argento di Vanessa Ferrari, è un anno straordinario. Ma per tutto lo sport italiano, non solo le nostre discipline. Tutto lo sport italiano si sta riscattando, anche per merito del Coni: i centri federali lavorano bene, e adesso ci vengono a copiare dai paesi dell'Est mentre una volta accadeva il contrario. Ogg i- conclude- siamo in cima alla piramide". “Sono contento di aver portato avanti le mie idee – aggiunge il DTN della sezione maschile Giuseppe Cocciaro - puntando su degli specialisti che potessero andare a medaglia. Abbiamo centrato cinque finali e vinto come forse mai in passato in una sola edizione. Domani poi abbiamo ancora due frecce al nostro arco, con Macchini e Grasso. Se penso che Lodadio non voleva partecipare al mondiale perché dopo le Olimpiadi non si sentiva al 100%, mi viene da sorridere. Dopo aver visto il suo esercizio in allenamento l’ho quasi obbligato ad andare in Giappone, sicuro che avrebbe fatto un’ottima figura. Questi ragazzi quasi non si rendono conto di quanto sono forti. Ora dovremo lavorare in vista delle qualificazioni olimpiche, per le quali gli specialisti dovranno impegnarsi ancora di più, qualcuno aggiungendo qualche attrezzo, altri, come Bartolini e Mozzato, tornando sull’all-around, dove sono altrettanto competitivi. E poi ci sono tanti atleti rimasti a casa, molto preparati, alcuni giovani senior di talento stanno venendo su molto bene. Insomma, mi voglio sbilanciare: abbiamo un gruppo così promettente che non sarà difficile mettere insieme una squadra capace di centrare il pass per Parigi”. “L’oro è una bella emozione – commenta Jury Chechi, l’ultimo ginnasta azzurro ad essere salito sul gradino più alto di un podio iridato, quello degli anelli ai mondiali di Losanna 1997, al termine della straordinaria cinquina iniziata a Birmingham nel ’93- Faccio i complimenti a lui, ai suoi allenatori e alla Federazione Ginnastica d’Italia. Tutti protagonisti di questa impresa. Io lo posso capire perché ho vinto il mondiale, seppur in un attrezzo diverso, ma la sensazione è la stessa. Finalmente un altro italiano è campione mondiale – conclude il Signore degli anelli - anche se in un'altra specialità, ma sempre nella ginnastica artistica maschile. Complimenti a Nicola e che sia il primo di tanti altri successi”.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.