Vidal contro i calendari intasati: "Il calcio è festa, non mercato degli schiavi"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
04
Lun, Lug

Vidal contro i calendari intasati: "Il calcio è festa, non mercato degli schiavi"

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Tutte queste partite mettono a rischio l'incolumità dei giocatori, che possono vedere le loro carriere accorciarsi moltissimo". Lo dice il centrocampista dell'Inter Arturo Vidal, intervistato dalla Fifpro, in merito al sempre maggiore intasamento dei calendari calcistici internazionali.

Arturo Vidal - Fotogramma
Arturo Vidal - Fotogramma

 

"Come ogni lavoro è necessario per i giocatori ogni tanto staccare, perché lo stress sicuramente influisce sulla salute mentale di ogni atleta. Ricordiamoci che il calcio è una festa, non il mercato degli schiavi", aggiunge il cileno.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.