Ict, ripartito Coding Girls di Fondazione Mondo Digitale con Women 20 - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
09
Gio, Dic

Ict, ripartito Coding Girls di Fondazione Mondo Digitale con Women 20

Tecnologia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sono donne solo il 19% degli specialisti digitali e circa un terzo dei laureati Stem in Europa ed in Italia le donne specialiste in tecnologie scendono al 16%. Per la partecipazione femminile all’economia e società digitale l’Italia fa meglio solo di Romania, Bulgaria, Polonia e Ungheria. E' la foto scattata dal recente

rapporto Desi da cui si è mossa l’8ª edizione di Coding Girls, il programma, storicamente promosso dalla Fondazione Mondo Digitale e Missione Diplomatica Usa in Italia e presentato a Roma al Centro Studi Americani, con il patrocinio di Women20 e in collaborazione con Microsoft Italia. Sostenere la parità di genere nelle discipline e nelle professioni Stem, e contribuire a raggiungere gli obiettivi del decennio digitale europeo - 20 milioni di specialisti nell’Ict e convergenza di genere - sono tra le sfide di Coding Girls che prevede per questo allenamenti, competizioni di coding e sessioni di orientamento e role modeling animate dai 32 partner accademici. E le attività coinvolgono 15.000 studentesse di scuole superiori in 47 città. 

Grazie alla capacità di fare rete tra pubblico e privato e di animare un movimento 'dal basso', il programma Coding Girls è anche un’iniziativa sistemica capace di attrarre investimenti sul territorio, di innescare efficaci processi di cambiamento e di supportare le azioni della Coalizione di Repubblica Digitale. Dal programma nazionale sono nate originali declinazioni e tematiche: grazie alla collaborazione con Eni e il progetto 'Code&Frame for Self Empowerment' le Coding Girls si appassionano ai temi della sostenibilità e dell’ambiente, scoprendo le infinite possibilità di sviluppo aperte dalla ricerca e dalla cultura scientifica. Nel Sud è nata una preziosa alleanza con l’Ambasciata dei Paesi Bassi a Napoli. A Torino un’originale sperimentazione triennale, condotta con Fondazione Compagnia di San Paolo su 600 studentesse di 10 scuole, valuta l’impatto del programma su competenze e scelte future.  

Fondazione Mondo Digitale sottolinea che dall’analisi effettuata sul 2° anno di attività emerge l'impatto positivo sulle capacità di programmazione di ragazze e ragazzi (dal 6% al 19%), con l'abilità auto percepita confermata dalle risposte corrette a quesiti più tecnici. Coding Girls influisce anche sulle scelte universitarie e rende ragazze e ragazzi più consapevoli della questione di genere. Se all'inizio il 46% dei ragazzi era d'accordo con l'affermazione 'Gli uomini sono in media più portati per le materie Stem', mentre solo il 28% delle ragazze lo era, Coding Girls porta il livello di consapevolezza dei ragazzi allo stesso livello di quello delle ragazze. "Molto spesso chi trasmette stereotipi non è consapevole fino in fondo che lo sta facendo: gli stereotipi non li possiamo eliminare, ma li possiamo comprimere aumentando la nostra consapevolezza e conoscenza" ha detto Linda Laura Sabbadini, direttrice centrale dell’Istat e Chair del W20 alle Coding Girls. Per Mirta Michilli, direttrice generale della Fondazione Mondo Digitale, "Ci vorranno 135 anni per raggiungere la parità di genere a livello globale alla velocità attuale dei progressi".