Pagare un burrito con i Bitcoin, tra poco sarà possibile
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Mar, Ago

Pagare un burrito con i Bitcoin, tra poco sarà possibile

Tecnologia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Chipotle, gigante della ristorazione in America e famoso per i suoi burrito, permetterà presto ai propri clienti di pagare con le criptovalute Bitcoin, Ethernet e Dogecoin, con una mossa che potrebbe aprire alla massificazione di questi sistemi di pagamento.

alternate text

 

C'è un però: Chipotle accetterà le cripto solamente attraverso il sistema Flexa, una app che permette di collegare il proprio portafoglio digitale e che richiede a sua volta una connessione con altri servizi come Metamask o Coinbase. Insomma, un processo macchinoso e soprattutto che annulla il concetto "decentralizzato" delle criptovalute. Flexa nasce infatti come una scorciatoia per convertire istantaneamente in denaro i propri Bitcoin o simili, quindi non si utilizzeranno direttamente valute virtuali. Queste ultime, del resto, hanno nella volatilità del valore il proprio limite maggiore per diventare davvero mainstream: in sole 24 ore il valore dei Bitcoin può calare anche del 10 per cento.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.