Foxconn, la fabbrica cinese di Apple di nuovo sotto lockdown
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Ven, Ago

Foxconn, la fabbrica cinese di Apple di nuovo sotto lockdown

Tecnologia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La città di Shenzhen, in Cina, ha chiesto di rendere subito effettivi nuove regole per limitare ulteriori contagi da Covid-19 nell'impianto di Foxconn, che produce device tecnologici e che serve, tra le altre, anche Nintendo e Apple.

alternate text

 

A Foxconn è stato imposto, per continuare a produrre, di tornare al modello degli scorsi lockdown: i lavoratori non potranno uscire dalla fabbrica e dovranno tutti restare nei dormitori interni alla fine dei loro turni, e non potranno avere contatti con nessuno al di fuori dell'impianto, familiari compresi. Il rischio qualora la situazione a Shenzhen dovesse peggiorare è quello di un nuovo lockdown in stile Shanghai, che creerebbe enormi problemi ai dipendenti e alla produzione. La Cina continua infatti nella sua intenzione di raggiungere quota zero Covid all'interno dei propri confini, e anche pochi contagi fanno scattare immediatamente misure drastiche: sono molte le aziende che hanno adottato un sistema "a circuito chiuso" nel quale i dipendenti non possono uscire dal posto di lavoro nemmeno per dormire. Generalmente si tratta di almeno un mese di tempo, e tutti coloro che vengono trovati positivi vengono messi in uno stato di quarantena severissimo.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.