Cronaca il Centro Tirreno - Notizie, Foto, Video, Approfondimenti
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Gio, Ago

Cronaca

Le ultime notizie di cronaca e gli approfondimenti in tempo reale da tutta Italia

 

Campania in zona rossa, Friuli Venezia Giulia e Veneto in zona arancione. Da lunedì 8 marzo, altre 3 regioni cambiano colore mentre l'epidemia di coronavirus accelera e la situazione in Italia peggiora. L'indice Rt sale a 1,06, come evidenzia il report Iss, superando la soglia di 1 dopo 7 settimane.

Scuole, Spirlì firma ordinanza: sospesa la didattica in presenza
Scuole, Spirlì firma ordinanza: sospesa la didattica in presenza

 

«Sospensione in presenza delle attività scolastiche e didattiche delle scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado, nonché delle scuole di istruzione e formazione professionale che pertanto continuano a svolgersi esclusivamente con modalità a distanza»

 

Sono 2.283 i contagi da coronavirus in Piemonte oggi, 5 marzo, secondo il bollettino della regione. L'Unità di Crisi ha comunicato che i nuovi casi sono pari al 6% dei 37.508 tamponi eseguiti, di cui 22.809 antigenici. Da ieri sono stati registrati altri 24 morti. 

 

Sono 1.027 nuovi casi di Coronavirus registrati oggi, 5 marzo, nelle Marche, il 22% dei tamponi processati (ieri 23,3%). Aumentano anche i ricoveri: oggi sono +18. Nelle ultime 24 ore sono state registrate altre 11 vittime, si tratta di 5 uomini e 6 donne, di età compresa tra i 78 e i 99 anni, tutti con patologie pregresse. Lo comunica il Servizio Sanità della Regione  

 

Campania in zona rossa da lunedì 8 marzo. Friuli Venezia Giulia e Veneto in zona arancione. Lo prevedono le ordinanze del ministro della Salute Roberto Speranza sulla base dei dati relativi all'epidemia di coronavirus e delle indicazioni della Cabina di regia. Misure più rigide, regole e divieti entreranno in vigore dall'inizio della prossima settimana con l'obiettivo di arginare il contagio e contrastare le varianti covid. 

 

Sono 519 i nuovi contagi da Coronavirus in Sicilia secondo il bollettino reso noto oggi. Da ieri sono stati registrati altri 12 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati fatti 23.161 tamponi. I positivi attuali ricoverati con sintomi sono 670, mentre si trovano in terapia intensiva 120 pazienti. 

 

Covid Italia, Rt sopra l'uno. Il dato di oggi "non è una buona notizia". "L'obiettivo è riportarlo il prima possibile sotto l'uno" dice Silvio Brusaferro, presidente dell'Istituto Superiore di Sanità. "E' un segnale importantissimo" avverte "che indica la necessità di adottare" al più presto "misure di mitigazione sul livello nazionale e regionale".

 

Sono 3.246 i nuovi contagi da Coronavirus in Emilia Romagna secondo il bollettino reso noto oggi. Da ieri sono stati registrati altri 46 morti. I tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore sono 42.699 e la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 7,6%. Da inizio pandemia sono stati 273.376 i contagi nella Regione. Continuano ad aumentare, quindi, i ricoveri: in terapia intensiva sono 266, 7 in più rispetto a ieri, 2.663 quelli negli altri reparti Covid, 68 gli ingressi nelle ultime 24 ore. 

 

Cinque milioni di dosi del vaccino AstraZeneca contro il Covid sono previste per l'Italia nel primo trimestre 2021 e 20 milioni nel secondo. "Ribadisco il nostro impegno totale a fornire le quantità che abbiamo previsto all’Unione Europea. Nel caso dell’Italia si tratta di 5 milioni nel primo trimestre e 20 milioni nel secondo trimestre.

 

Sono 5.210 i contagi da coronavirus in Lombardia oggi, 5 marzo, secondo il bollettino della Protezione Civile pubblicato dal ministero della Salute. Da ieri sono stati registrati altri 61 morti, che portano il totale a 28.638 dall'inizio dell'emergenza legata all'epidemia nella regione. 

 

Sono 24.036 i contagi da coronavirus in Italia oggi, venerdì 5 marzo, secondo il bollettino della Protezione Civile pubblicato dal ministero della Salute. Da ieri si registrano altri 297 morti, che portano il totale delle vittime a 99.271 dall'inizio dell'emergenza legata all'epidemia di covid-19. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 378.463 tamponi, con un tasso di positività al 6,35%. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 2.525, con un aumento di 50 unità 

 

Sono 19 i morti e 1.525 i nuovi contagi da Coronavirus segnalati oggi nel Lazio, secondo i dati del bollettino della Regione diffuso dall'assessore alla Sanità, Alessio D'Amato. Oggi "su oltre 16mila tamponi (+2.791) e oltre 22mila antigenici, per un totale di oltre 38mila test, si registrano 1.525 casi positivi (-177), 19 decessi (-3) e +987 guariti.

 

Sono 12 i morti e 823 i nuovi contagi da coronavirus segnalati oggi in Friuli Venezia Giulia, secondo il bollettino della regione diffuso dal dal vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. Con 10.130 test effettuati, su 6.896 tamponi molecolari sono stati rilevati 575 nuovi contagi, con una percentuale di positività del 8,34%. Sono inoltre 3.234 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 248 casi (7,67%).  

 

Sono 15 i nuovi contagi da Coronavirus in Valle d'Aosta secondo il bollettino reso noto oggi, 5 marzo. Da ieri non c'è stato alcun morto. Da inizio pandemia i casi positivi totali salgono così a 8098, quelli attuali sono, invece, 171, tre in più rispetto a ieri, di cui dieci ricoverati in ospedale, due in terapia intensiva, e 159 in isolamento domiciliare. 

 

Sono 473 i nuovi contagi da Coronavirus in Abruzzo secondo il bollettino reso noto oggi, 5 marzo. Da ieri sono stati registrati altri otto morti. Nelle ultime 24 ore sono stati fatti 4.863 tamponi molecolari e 10.168 antigenici. La percentuale di positività è al 3,1%. Nella Regione i positivi sono in tutto 56.503. I guariti o dimessi da ieri sono 427. 

 

"Dieci regioni e province autonome hanno un Rt puntuale maggiore di 1". Sono Basilicata, Emilia Romagna, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Trento, Toscana, Valle d'Aosta e Veneto. E' il quadro che emerge dalla bozza del report Iss-ministero Salute con il monitoraggio dell'epidemia di Covid in Italia nella settimana 22-28 febbraio con aggiornamento al 3 marzo.  

 

Campania "ormai" zona rossa. Il governatore Vincenzo De Luca descrive una quadro sempre più grave per la diffusione del coronavirus. "Come era ampiamente prevedibile ormai siamo in zona rossa perché questo livello di contagio non si può più reggere, perché la ricaduta sulla rete ospedaliera diventa grande e alla lunga insostenibile". Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. "Abbiamo già oggi un appesantimento della situazione negli ospedali, in particolare al Cardarelli. E' evidente che bisogna prendere misure eccezionali", aggiunge De Luca. 

 

Lo stop all'export di alcune dosi di vaccino anti covid AstraZeneca dall'Italia all'Australia? Un messaggio all'azienda dall'Ue, e cioè quello di rispettare i tempi di consegna. A dirlo è il portavoce capo della Commissione Europea, Eric Mamer, all'indomani della prima attuazione del meccanismo di autorizzazione delle esportazioni di vaccini anti Covid deciso dall'Ue a fine gennaio.  

 

“Nei primi due mesi e mezzo i 46mila medici di famiglia italiani hanno somministrato circa 10 milioni di dosi di vaccino antinfluenzale, nonostante una programmazione della campagna antinfluenzale in alcune realtà raffazzonata con dosi che non arrivavano, appuntamenti già fissati per la vaccinazione con gli assistiti poi annullati perché i vaccini non erano disponibili.

 

Vaccinazioni anti Covid in Italia con un "buon andamento", ma il rischio è quello di non riuscire a raggiungere l'obiettivo fissato dall'Ue nei tempi stabiliti. Cioè il 31 marzo. A spiegarlo è il il 42esimo report settimanale di Altems, l'Alta scuola di economia e management dei Sistemi sanitari dell’Università Cattolica, campus di Roma. "Meno di un mese per raggiungere l’obiettivo delle vaccinazioni indicato dall’Ue e siamo solo al 29,06%, nonostante l’incremento del numero di punti vaccinali", si legge nel report. 

 

“Gli operatori sanitari non solo devono vaccinarsi, perché la vaccinazione è un valore morale oltre che un concetto di idoneità alla professione, ma devono diventare dei veri e propri influencer delle vaccinazioni. Su queste figure, che sono fonti attendibili di informazione per la popolazione generale, ricade una grande responsabilità”.

 

Il Veneto in zona arancione. Lo annuncia il governatore Luca Zaia. Entrano in vigore nuove regole e misure più restrittive per arginare la diffusione del coronavirus. "Siamo zona arancione. Il dato fa comprendere quanto corra velocemente l'infezione. Le proiezioni sono preoccupanti", dice il governatore. "Siamo davanti ad una mutazione del virus che è dal 43% al 100% più contagioso. Speriamo sia l'ultima". 

 

Rt a 1,06 in Italia. L'indice di contagio medio calcolato sui casi sintomatici di coronavirus era 0.99 la scorsa settimana, con un limite superiore già oltre 1. Nel dettaglio, l'indice supera "1 per la prima volta in 7 settimane", come evidenzia il report sull'epidemia di Sars-CoV-2, frutto del monitoraggio settimanale della Cabina di regia Istituto superiore di sanità (Iss)-ministero della Salute. "Nel periodo 10-23 febbraio - si legge - l'Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,06 (range 0,98-1,20)". 

 

“Nonostante l’emergenza Covid, e contrariamente a quanto è accaduto in Italia, nella Asl Rm1 abbiamo aumentato il numero delle vaccinazioni esavalente, anti-rotavirus e contro il virus Hpv rispetto al 2019. Mentre nel resto del Paese si registrava un crollo delle coperture vaccinali e delle somministrazioni, noi le abbiamo incrementate del 10 per cento, unica eccezione per il vaccino MPR (morbillo – parotite – rosolia) che ha subito un leggero calo.

 

Sardegna zona bianca, ma La Maddalena resta zona rossa per un'altra settimana. Nell’isola non migliora la situazione epidemiologica, in meno di un mese i casi di coronavirus sono passati da 5 a 64. Nonostante il lockdown deciso lo scorso 26 febbraio dal sindaco Fabio Lai, d’intesa con i vertici regionali della Sanità, la curva di contagio non cala: l’ordinanza sulla zona rossa, in scadenza oggi, sarà prorogata, fa sapere il primo cittadino.

 

(Sod/Adnkronos) 

Usare ogni sito possibile per la campagna di vaccinazione contro il coronavirus. Nell'emergenza covid, i punti di somministrazione devono essere aumentati utilizzando ogni possibile soluzione, dai siti produttivi agli assetti della Protezione civile e delle Forze Armate. E' quanto avrebbe detto, a quanto si apprende, il neo commissario straordinario all'emergenza Covid Paolo Francesco Figliuolo nel corso della riunione tra governo-Regioni ed enti locali sul piano vaccini. ''Sono d'accordo sulla necessità di conservare scorte di vaccino per eventuali urgenze o necessità'', avrebbe detto ancora. ''Se ci sono Regioni che hanno difficoltà dobbiamo intervenire'', avrebbe aggiunto. 

 

Sono 1.231 i nuovi contagi da Coronavirus in Toscana oggi, 5 marzo, secondo quanto anticipato su Facebook dal presidente della Regione, Eugenio Giani. "I nuovi casi registrati in Toscana sono 1.231 su 25.341 test, di cui 15.165 tamponi molecolari e 10.176 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 4,86% (9,6% sulle prime diagnosi)" annuncia sul social network il Governatore, anticipando il dato del bollettino regionale sull'andamento dell'epidemia di Covid 19 nella Regione. 

 

Nel Lazio zona gialla, i dati sulla diffusione del coronavirus "sono in crescita, ma l'Rt è a 0,98. Tecnicamente siamo ancora da giallo. Però abbiamo sotto osservazione la provincia di Frosinone, dove i casi sono ancora moltissimi. E l'arancione che abbiamo già attivato potrebbe non bastare: potremmo ricorrere all'arancione scuro o al rosso. Anche la provincia di Rieti, che confina con l'Umbria, dà segnali negativi: qui valutiamo se decidere limitazioni da arancione". Lo dice in intervista a 'Il Messaggero' Alessio D'Amato, assessore alla Sanità della Regione Lazio.