Alimenti, Centinaio: "Serve più filiera nella politica italiana contro minaccia europea" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Sab, Lug

Alimenti, Centinaio: "Serve più filiera nella politica italiana contro minaccia europea"

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"La politica italiana deve fare il suo dovere da un lato interloquire con l'Europa e dall'altro una maggiore collaborazione e sinergia tra ministeri. E' necessaria una maggior filiera nella politica". E' quanto ha rimarcato il sottosegretario alle Politiche agricole Gian Marco Centinaio a proposito della tutela del made in Italy contro "la minaccia europea che porta avanti azioni che non stanno aiutando il made in Italy e la filiera dell'agroalimentare italiana" con l'etichetta a semaforo Nutriscore e la valorizzazione della carne sintetica.

alternate text

 

E' quanto ha detto intervenendo al workshop "Le filiere integrate per il rilancio del Paese", che si inserisce nell’ambito dell’iniziativa "Filiere integrate" che The European House – Ambrosetti ha lanciato con il supporto di Philip Morris Italia.  

Centinaio ha anche sottolineato che "dall'Europa ci arriva una richiesta di maggiore sostenibilità e di di tutela dei consumatori, l'Italia è pronta a queste sfide attraverso l'uitlizzo delle filiere di cui andiamo fieri".  

"Vogliamo portare avanti un dialogo a testa alta perché chiediamo rispetto della Dieta Mediterranea che è Patrimonio dell'Umanità- ha aggiunto Centinaio - ma per portare a casa risultati è necessario che il Mipaaf non ragioni da solo così come gli altri ministeri: Sviluppo economico, Mef, Ambiente o la Sanità. La promozione e la tutela del made in Italy devono passare per il dialogo istituzionale tra ministeri, regioni ed enti delegati".