Microsoft apre a tutti l'intelligenza artificiale di Bing con GPT-4
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
28
Mar, Mag

Microsoft apre a tutti l'intelligenza artificiale di Bing con GPT-4

Tecnologia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Microsoft ha rimosso la lista d'attesa per poter provare la nuova intelligenza artificiale nel suo motore di ricerca Bing, basata su GPT-4 di OpenAI. È sufficiente infatti iscriversi al "nuovo" Bing, unirsi alla lista d'attesa e vedere il proprio profilo approvato immediatamente, senza liste d'attesa.

alternate text

 

L'azienda ha commentato che al momento ha deciso di aprire a tutti la nuova tecnologia, seppur ancora in beta, per migliorarla e permettere di avere ancora più persona a testarla e migliorarla. La IA di OpenAI, infatti, sa rispondere in base al contesto e a discorsi complessi, e migliora man mano che viene usata. Sarà la tecnologia alla base dei prossimi motori di ricerca, tanto che anche Google sta lavorando a qualcosa di molto simile con il suo Bard.

Microsoft ha deciso di investire massicciamente sull'intelligenza artificiale, grazie al suo accordo con OpenAI (fondata da Elon Musk, CEO di Tesla e Twitter). Nei prossimi giorni verrà rivelata anche la nuova versione di Office basata sull'IA, e in futuro si espanderà anche ad altri software di punta del brand, come Teams, il browser Edge, Skype. Al momento, se volete provare Bing Chat con GPT-4, avrete però dei limiti: un solo utente può porre non più di 15 domande a sessione e un massimo di 150 al giorno.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.