Politica - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Gio, Ago

Politica

Le notizie dal mondo politico: aggiornamenti, sondaggi, analisi e approfondimenti

 

"Abbiamo ribadito l'importanza dell'utilizzo della risorse ma anche della semplificazione burocratica: servono regole più semplici. Ora aspettiamo che il testo venga trasmesso al Parlamento". Lo dice Maria Elena Boschi al termine dell'incontro della delegazione di Italia Viva a palazzo Chigi con il presidente Mario Draghi.  

 

"Umanamente mi dispiace per Beppe, il suo è il dolore di un padre. Quasi non riesco a commentare ciò che ha detto. Ho avuto una relazione con una persona violenta per un breve periodo e per elaborare quanto era successo ci ho messo sei mesi, poi ho denunciato". Lo racconta all'Adnkronos Federica Daga, deputata M5S, quando le viene chiesto di commentare le parole di Beppe Grillo in difesa del figlio Ciro, accusato di stupro di gruppo.  

 

Sulle riaperture "chiediamo al governo un cambio di paradigma. Per noi non è nelle prerogative del governo italiano stabilire se e quando i cittadini possono uscire di casa o tenere aperta la loro attività". Così la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, al termine dell'incontro sul Recovery a Palazzo Chigi con il premier Mario Draghi in cui, spiega, si è parlato anche del tema delle aperture.  

 

Anche Pasqualino Monti, presidente dell’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale, è tra i 28 commissari straordinari nominati da Draghi per sbloccare 57 opere vitali nel Paese. Il documento firmato dal presidente del Consiglio ha individuato solo tre opere portuali in tutta Italia – a Genova, Livorno e Palermo - con una progettualità matura e avanzata da meritare gli investimenti previsti. A Palermo, dunque, unica città del sud, saranno destinati 155 milioni che serviranno per i lavori di interfaccia città/porto, per il bacino da 150 Tpl e per la messa in sicurezza.  

 

"Io aspetto le sentenze. Ho visto il video di Grillo questa mattina ed è chiaro che umanamente mi dispiace per Beppe come padre, è una vicenda familiare privata e immagino che i protagonisti di questa vicenda vogliano tenerla privata. Personalmente ritengo che ogni donna debba poter denunciare in qualsiasi momento". Lo dice, interpellata dall'Adnkronos, la vicepresidente della Camera Maria Edera Spadoni, deputata M5S, a proposito delle parole di Beppe Grillo in difesa di suo figlio Ciro, accusato di stupro.  

 

"Il Governo segue con attenzione il dibattito intorno al progetto della Superlega calcio e sostiene con determinazione le posizioni delle autorità calcistiche italiane ed europee per preservare le competizioni nazionali, i valori meritocratici e la funzione sociale dello sport". Così il presidente del Consiglio Mario Draghi, in merito al progetto della Superlega. 

 

Patrizia Baffi lascia Italia Viva per passare a Fratelli d’Italia. Ad annunciarlo, durante una conferenza stampa convocata a Milano, è la stessa consigliera regionale lombarda: "Per me è un onore poter dare anche un piccolissimo contributo al grande progetto di Giorgia Meloni - ha detto Baffi - una grandissima donna che può essere il baricentro di un'area del centrodestra ancora più ampia". 

 

Il dibattimento "è necessario". Deve essere il processo a decidere se Matteo Salvini ha davvero sequestrato o no, per diversi giorni, i 147 migranti a bordo della nave Open Arms, nell'agosto del 2019. Perché l'udienza preliminare non deve valutare se sussiste o meno la responsabilità penale dell'imputato, ma se ci sono gli elementi per sostenere l'accusa in giudizio. E in questo caso, secondo il gup di Palermo Lorenzo Jannelli, ci sono tutti gli elementi per un processo. Ecco perché sabato ha rinviato a giudizio il leader della Lega Matteo Salvini, accusato di sequestro di persona e rifiuto di atti di ufficio.  

 

Il ministro "Speranza deve restare al suo posto? Se fa il suo lavoro sì. Ma se fa politica e vede solo 'rosso' parlando di chiusure, chiusure e chiusure, no". Lo dice Matteo Salvini, oggi al Tg5, nel giorno in cui il titolare della Salute chiede di "non usare la pandemia come una clava nel dibattito politico". Gli italiani, aggiunge il leader della Lega, "è da un anno che portano pazienza. Adesso con il piano vaccini" che va avanti "senza più Arcuri, con Figliuolo, si può tornare alle vita. Questo deve essere patrimonio di tutti gli italiani togliendo in prospettiva il coprifuoco". 

 

"Pur di riassegnare il vitalizio a Roberto Formigoni il centrodestra al Senato ha piegato, interpretato a piacimento e stravolto norme e regolamenti". A scriverlo su Facebook è il reggente M5S Vito Crimi. "La decisione presa in Commissione contenziosa dai senatori Caliendo (Forza Italia), Pillon e Riccardi (Lega) rischia di causare un ignobile effetto a cascata: ora - scrive il pentastellato - potranno tornare a chiedere il vitalizio anche i senatori condannati per mafia o terrorismo. È obbligatorio domandarci se questo effetto collaterale sia casuale oppure voluto, perché quando si tratta di fare i furbi e calpestare i diritti e i doveri, questa gente te la ritrovi sempre in prima fila".  

 

Sull'emergenza covid in Italia, "chiunque ha avuto responsabilità in questa storia deve essere pronto a rendere conto senza alcuna paura, perché così funziona la democrazia. Dal capo dell'Oms, ai governi nazionali, regionali, fino al sindaco che ha assunto delle decisioni che hanno riguardato la libertà dei propri cittadini, tutti devono essere pronti a rispondere di quello che hanno fatto con consapevolezza: non buttiamo questa materia dentro la conflittualità politica senza senso in cui spesso precipita il Paese". Così il ministro della Salute Roberto Speranza a 'Mezz'ora in più'.  

 

Il Piano nazionale di rilancio e resilienza sarà inviato entro il 30 aprile a Bruxelles. Questa settimana e la successiva, confermano fonti di Palazzo Chigi, il premier Mario Draghi sarà impegnato in nuove riunioni per definire gli ultimi dettagli del Pnrr, che approderà al tavolo del Cdm prima di essere presentato alle Camere, il 26 e il 27 aprile. Ieri un'agenzia internazionale aveva scritto di un possibile slittamento a metà maggio, "ma questa ipotesi non c'è mai stata e non è chiaro come sia potuta trapelare. Il Pnrr arriverà puntuale a Bruxelles", confermano le stesse fonti all'Adnkronos.