Sostenibilita - il Centro Tirreno - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Mar, Mag

Attenzione alle comunità e ai territori centrale per il Gruppo Iren che nel 2020 ha generato e distribuito un valore aggiunto di 1,4 miliardi di euro incrementando gli investimenti del 31% (685 milioni di euro). Si conferma così l’impegno del Gruppo nel miglioramento infrastrutturale dei territori, anche come volano di

Sul fronte dell’economia circolare, l’estensione del sistema di raccolta porta a porta dei rifiuti ha consentito un significativo incremento della raccolta differenziata che, nel bacino servito dal Gruppo Iren, si attesta a una media del 69,3% (media nazionale 61,3%), in linea con gli obiettivi (73,6%) previsti dal piano industriale

Un totale di 350 milioni di euro di investimenti nella multicircle economy, ovvero la visione industriale a lungo termine del Gruppo Iren focalizzata sull’uso consapevole ed efficiente delle risorse in tutte le aree di business in cui è attivo. Raccolta differenziata cresciuta nel 2020 al 69,3% nei territori serviti dal Gruppo,

Il pianeta va preservato e questo punto mette d’accordo anche i consumatori che hanno il desiderio di acquistare online, supportando al tempo stesso la sostenibilità. Dal nuovo report di Ups sulla 'Smart E-commerce 2021', che rileva informazioni esclusive sui comportamenti, gli atteggiamenti e le aspettative da parte dei

“La crisi determinata dall’emergenza Covid-19 ha accresciuto la consapevolezza della vulnerabilità del nostro modello di sviluppo e riportato al centro la forte interconnessione della dimensione ambientale e sociale. Già da tempo, il Gruppo Iren ha integrato i principi di sostenibilità nella propria strategia di

Dalla didattica a distanza alla sospensione di tutte le attività sportive e ludiche, la pandemia ha avuto un impatto significativo anche sulla vita e sulla quotidianità dei più piccoli tanto che oltre 6 genitori italiani su 10, pari a quasi 16,5 milioni di individui, hanno dichiarato di aver sviluppato nuove paure legate ai

Mesi di restrizioni dovute alla pandemia hanno innescato un notevole cambiamento nelle aspettative riguardo allo spazio urbano e alla mobilità. Gli abitanti delle città italiane, in particolare quelli di Roma e Milano, chiedono città più green e una più equa ripartizione dello spazio pubblico tra auto,

Quanto è sostenibile il cibo che compriamo? Da oggi è possibile scoprirlo grazie a Setai, un’applicazione che aiuta a migliorare le abitudini alimentari e a conoscere l’impatto ambientale del cibo acquistato. La startup è nata grazie all’intuizione di due giovani di Mirano, Andrea Longo e Edoardo Danieli, e grazie all’apporto scientifico di eAmbiente, azienda di ingegneria e consulenza ambientale ed energetica veneziana nata nel 2003.  

Quattro nasi elettronici più una centralina meteo per il monitoraggio in continuo delle emissioni odorigene e importanti interventi strutturali. Gruppo Cap, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, insieme al sindaco Caterina Molinari e al vicesindaco Marco Righini, ha presentato oggi il dettaglio dei progetti per il rinnovamento tecnologico del depuratore di Peschiera Borromeo in ottica di economia circolare, che prevede investimenti pari a 16 milioni di euro per aumentarne la capacità di trattamento.  

È stato inaugurato oggi il progetto realizzato tra marzo e aprile nel Municipio VIII di Roma che ha portato alla messa a dimora di 2.000 giovani alberi, grazie al sostegno della Cooperativa multiservizi dell’energia Cpl Concordia nell’ambito del programma 'Earth Care - our Present for Future'.  

Consegne sempre più green. Con questo obiettivo L’Oréal Italia annuncia l’eliminazione della plastica dagli imballaggi di alcune categorie di prodotti che partono dalla centrale logistica di Villanterio. La saturazione dei prodotti sarà fatta di carta e la chiusura degli imballaggi con banda gommata eliminando così la termoretrazione e il nastro adesivo. Sono stati inoltre sostituiti i sacchetti di plastica utilizzati per confezionare gli articoli più piccoli con buste biodegradabili.