Arte e Cultura - il Centro Tirreno - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
12
Mer, Mag

 

Da oggi e fino al 2 maggio è online sul sito di Ala (www.alacorporation.com) il bando per partecipare all’Ala Art Prize 2021 e realizzare un’opera destinata ad essere esposta nel quartier generale della società a Napoli, nella cornice della Mostra d’Oltremare. In un anno così difficile, anche per la cultura, Ala dà vita al progetto di lungo respiro dedicato all’arte Ala For Art di cui l'Ala Art Prize 2021 è il primo tassello. La partecipazione al premio è gratuita. L’artista vincitore riceverà 10mila euro per l’opera selezionata.  

 

Eni Gas e Luce è sponsor ufficiale di 'Donne all’Opera: per dire no alla violenza', un progetto nato da un’iniziativa di Francesca Ascioti, cantante lirica di fama internazionale e fondatrice della Enea Barock Orchestra. Alla conferenza stampa, svoltasi oggi in modalità virtuale, ha partecipato per Eni Gas e Luce Giorgia Molajoni, Head of Identity, Data & Digital Transformation. 

 

La riapertura delle scuole per il primo ciclo d'istruzione nel Lazio a singhiozzo per due giorni prima delle vacanze di Pasqua, contro la quale si sono tra l'altro espressi diversi sindaci della Regione "si poteva anche evitare, aspettando a dopo le feste, ma io ritengo che sia nulla questo caos e disagio rispetto al piacere e l'esigenza di far tornare i ragazzi in classe. Prima tornano a scuola e meglio è". Lo dice all'Adnkronos la sottosegretaria all'Istruzione del M5s, Barbara Floridia che ricorda: "Io sono per l'apertura delle scuole, perché non modifica la curva dei contagi".  

WILLIAM IRWIN THOMPSON (Photo Credit: Kelly Patton)
WILLIAM IRWIN THOMPSON (Photo Credit: Kelly Patton)

 

Soggiorniamo, tutti noi, sul limitare di un baratro. Guardiamo, con gli occhi fissi, un abisso, che ricambia con freddezza il nostro sguardo. «Chi lotta con i mostri – canta in Al di là del bene e del male il profeta del nichilismo Friedrich Nietzsche – deve guardarsi dal non diventare, così facendo, un mostro. E se tu scruterai a lungo in un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te». Al Tramonto dell’Occidente di spengleriana memoria, in quello Zwischenreich che gli autori della Rivoluzione Conservatrice hanno sapientemente avvertito e delineato, sulla base del monito nietzschiano, non resta che muovere i passi un po’ più oltre. Lungo i terreni dissestati e caotici di un mondo liquido, ormai gassoso, in cui tutti i segnavia sono sempre più confusi. E andare oltre, oltre ancora. Ultra, trans, oltre, über, post: non è un caso che questi prefissi abbiano raggiunto nel Novecento filosofico – e culturale tutto – un impiego serrato, a tratti iperbolico e parossistico. Il peana del divenire e la volontà di potenza s’imprimono anche nei morfemi della lingua.

VIDEO: "Un senso alla vita attraverso coscienza, mito, categorie del politico" - con Roberto Cecchetti

 

Un senso alla vita attraverso coscienza, mito, categorie del politico arriva a dare una spiegazione del buio, del caos, della cecità dilagante del nostro momento storico . È un’interpretazione ricca di fascino che senz’altro merita di riflessione per definire le cause della nostra situazione odierna, ma anche per cercare di colmare un vuoto che si avverte e non sappiamo ben definire.

VIDEO: "Lo Sviluppo Dell’essere Umano Nel Ciclo Della Vita" - con Andrea Smorti

 

Lo sviluppo dell’essere umano nel ciclo della vita: come attribuire un significato alle esperienze che facciamo? In questo incontro si pone in evidenza come ogni fase della nostra vita ha una sua ragione d’essere ed una sua peculiarità... Utile lasciarsi andare al dispiegarsi e al fluire dell’esistenza con la gioia di scoprire cosa ci riserverà ogni nuova fase del novello giro di ruota.

Leggi anche: Associazione Eumeswil

 

"Con Enrico ho fatto le più belle risate della mia vita: come mi ha insegnato a ridere lui, nessun altro". Fabio Fazio ricorda così Enrico Vaime, morto oggi all'età di 85 anni. "Ho iniziato questo lavoro 38 anni fa. Dopo un mese sono stato messo a fare le imitazioni in una trasmissione radiofonica storica, Black Out", dice Fazio nella puntata di Che tempo che fa.

 

E' morto a Roma all'età di 85 anni Enrico Vaime, autore tra i maggiori del mondo della radio e della televisione. Era ricoverato al Gemelli. Vaime era nato a Perugia il 19 gennaio 1936. Laureato in Giurisprudenza a Napoli, in Rai era entrato nel 1960 dopo un concorso. Per la televisione è stato un autore prolifico, contribuendo a redigere programmi rimasti poi nella storia del piccolo schermo italiano, come Canzonissima, Fantastico, Tante Scuse, Quelli della domenica. Ma la sua penna ha scritto anche commedie musicali come 'Anche i bancari hanno un'anima', mentre la sua voce per anni ha accompagnato i radioascoltatori conducendo il programma ''Black out'. Tra gli ultimi libri pubblicati 'L'Italia che vorremmo'. 

Sottocategorie

ASSOCIAZIONE #EUMESWIL è un’associazione culturale non-profit, sorta a Firenze e Vienna con lo scopo di studiare e diffondere l’opera, il pensiero e lo stile esistenziale di #ErnstJünger.