il Centro Tirreno - Notizie, Foto, Video, Approfondimenti
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Saldi al via in tutta Italia

Saldi estivi finalmente al via. Dopo l’apertura anticipata di Sicilia e Calabria (il primo luglio), Campania (21 luglio) e Piemonte, Lombardia e Friuli-Venezia Giulia (la scorsa settimana), oggi sabato primo agosto le vendite di fine stagione partono in tutte le restanti regioni d’Italia.

Recovery Fund, le richieste dei sindaci

Sostenibilità, attraverso un green act che si concretizza in 100 milioni di alberi da piantare in cinque anni e 5 miliardi di euro da investire in mobilità, efficienza energetica, economia circolare, attraverso il lancio di un brand Italia e una politica di sgravi fiscali per i territori che vivono di turismo.

Superbonus 110%, ecco i documenti necessari

Con la pubblicazione della guida definitiva per accedere al superbonus del 110%, l’Agenzia delle Entrate ha dato tutte le indicazioni non solo sugli aventi diritto all’agevolazione o sugli interventi che rientrano nella maxi-detrazione, ma anche su certificazioni e documenti che occorre presentare qualora si volesse richiedere il superbonus. 

Bonus 600 euro anche per lavoratori turismo

"La Corte dei Conti ha dato il via libera al decreto che estende la possibilità di accedere al bonus da 600 euro anche ai lavoratori del turismo che erano rimasti esclusi dal beneficio perché assunti a tempo determinato nonostante lavorassero a tutti gli effetti come stagionali".

Quattordicesima, a chi spetta e quando arriva

In arrivo il pagamento dello stipendio di luglio e, con lui, milioni di lavoratori italiani sono in attesa del pagamento della quattordicesima mensilità aggiuntiva.

Vertice Ue, 209 miliardi all'Italia nella bozza del Recovery

In base alla 'negobox' inviata dal presidente del Consiglio Europeo Charles Michel questa sera alle delegazioni nazionali, che deve essere ancora approvata, nell'ambito di Next Generation Eu all'Italia dovrebbero spettare in tutto 208,8 miliardi di euro, cioè oltre 30 miliardi in più rispetto alla prima proposta (173,8 mld). Lo si apprende da fonti italiane.

Recovery, ecco la bozza: 209 miliardi all'Italia

Nella proposta di compromesso, la 'negobox' come si dice in gergo, sull'Mff 2021-27 e su Next Generation Eu inviata dal presidente del Consiglio Europeo Charles Michel alle delegazioni nazionali, la Recovery and Resilience Facility, il 'cuore' del piano per la ripresa, viene rafforzata, anche rispetto alla proposta iniziale della Commissione e a quella di compromesso avanzata da Michel il 10 luglio scorso, passando da un totale di 560 mld a 672,5 mld di euro, dei quali 312,5 mld di trasferimenti (rispetto a 310 mld) e 360 mld di prestiti (rispetto a 250 mld). Il nuovo piano porterebbe all'Italia 209 miliardi. 

Vertice Ue, Michel: "Accordo è possibile"

"So che gli ultimi passi sono sempre i più difficili, ma sono fiducioso: anche se è difficile, anche se sarà importante continuare a lavorare, sono convinto che un accordo è possibile".

Ue, fonti: "Leader discutono di governance, taglia Mff e Recovery"

I capi di Stato e di governo dell'Ue sono impegnati dalle 10.25 di stamani in "intense discussioni" sul Recovery Plan e sull'Mff 2021-27, il Quadro finanziario pluriennale dell'Ue, ma "finora non si sono addentrati nei dettagli" ed è "troppo presto per dire quale direzione stanno prendendo i negoziati".

Covid, manifesto dei milionari per pagare più tasse e aiutare chi soffre

Al grido di "l'umanità è più importante dei nostri soldi", un gruppo di 83 milionari - perlopiù americani, ma anche tedeschi, olandesi e britannici - hanno firmato una petizione ai governi mondiali affinché varino un "aumento fiscale permanente" sulle grandi fortune "immediatamente, in maniera sostanziosa e per sempre", con l'obiettivo di fornire più risorse a chi deve combattere - nelle corsie di ospedale ma non solo - la battaglia contro le conseguenze della pandemia di Covid-19.

Con crisi più compro oro e banco pegni, +50% rispetto a pre-Covid

Con la crisi legata al Covid-19 cresce il numero di italiani che si rivolge a compro oro e banco dei pegni per ottenere liquidità vendendo o impegnando i propri oggetti preziosi, al punto che oggi, rispetto al periodo pre-coronavirus, il ricorso a tali strumenti è cresciuto del +50%, come evidenziato anche dalle organizzazioni del settore.

Bankitalia: contratti a termine più colpiti da crisi Covid

L'impatto della crisi sul numero di occupati ha riguardato soprattutto i contratti a termine: "Secondo i dati Anpal dal 23 febbraio, giorno precedente i primi provvedimenti per il contenimento del contagio, alla fine di aprile sono state rilevate circa 500.000 posizioni lavorative in meno rispetto allo stesso periodo del 2019, prevalentemente per la mancata attivazione di nuovi contratti a tempo determinato".

Covid, Bankitalia: giù il reddito per oltre il 50% delle famiglie

Negli ultimi due mesi, caratterizzati dalla fase più rigida delle misure di contenimento dell’epidemia Covid-19, il reddito di oltre il 50% delle famiglie in Italia si è ridotto, anche tenendo conto degli eventuali strumenti di sostegno ricevuti.

Seguici anche su Facebook